rotate-mobile
Coronavirus

"Istruitevi, avremo bisogno dell'intelligenza": bambini (e prof) vogliono tornare a scuola

Manifestazione del comitato "Priorità alla scuola". In strada 2mila tra prof, genitori e bimbi

Tutti insieme. Tutti uniti per lo stesso obiettivo: tornare tra i banchi di scuola. Sabato pomeriggio a Milano è andata in scena la manifestazione organizzata da "Priorità alla scuola", il comitato nato per chiedere al governo e alle varie amministrazioni locali maggiore attenzione verso l'istruzione anche nell'emergenza Coronavirus

In città, dal centro alla periferia, sui muri di oltre 100 scuole sono apparsi gli striscioni con la frase di Gramsci "Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza". Fuori dagli istituti si sono ritrovati in 2mila - tra professori, genitori e bambini - che hanno così chiesto la riapertura delle scuole di ogni ordine e grado - chiuse ormai da mesi - dal prossimo settembre. 

"Con nostro grande stupore - ha raccontato Maddalena Fragnito, referente milanese del comitato - abbiamo visto che da via Paravia alla zona Calvairate tutti si sono mobilitati per dire che la scuola è una priorità. Il primo appuntamento della giornata è stato di fronte all'ufficio scolastico regionale e vi hanno preso parte anche il coordinamento nazionale precari della scuola, il gruppo degli studenti e parte delle brigate che tanto si sono dati da fare durante questa emergenza. Tutti insieme per chiedere che la scuola diventi una priorità e che si torni a investire per riaprire, in sicurezza, a settembre".

Sui social sono così comparse decine e decine di fotografie della protesta, andata in scena seguendo il distanziamento e l'obbligo di indossare la mascherina. Professori, genitori e bimbi hanno detto la loro. E ora aspettano un segnale dal governo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Istruitevi, avremo bisogno dell'intelligenza": bambini (e prof) vogliono tornare a scuola

MilanoToday è in caricamento