Divieti e "quarantena" per il Coronavirus, Gallera avvisa: "Tra 10 giorni non è tutto finito"

L'assessore al Welfare parla della fine dei divieti e della "quarantena" regionale

Gallera all'ospedale da campo allestito a Crema - Foto da pagina Fb ufficiale

Non il 31 luglio, quando scade ufficialmente lo stato d'emergenza proclamato dal consiglio dei ministri. Ma neanche "tra dieci giorni". L'assessore al Welfare di regione Lombardia, Giulio Gallera, prova a tracciare una prima linea temporale sulle scadenze di restrizioni e divieti imposti dal governo e dallo stesso Pirellone per cercare di porre un freno all'epidemia Coronavirus. E ci tiene subito a bloccare potenziali entusiasmi. 

Perché se è vero che i contagi sembrano aumentare in maniera meno rapida rispetto ai giorni scorsi, è altrettanto vero che l'emergenza non è affatto finita. "La data del 31 luglio è stata meglio rettificata dal Presidente del Consiglio, però il messaggio è chiaro ed evidente e io lo condivido - ha spiegato l'assessore mercoledì mattina in collegamento con La7 -. Non è che tra dieci giorni, nella speranza che in tutti questi giorni possa scendere o rallentare la diffusione del contagio, possiamo immaginare che tutto sia finito e tornare come prima ad animare i bar o a ritrovarci nei parchi tutti insieme: sarà una lunga stagione per riuscirci", ha ribadito. 

"Il caldo sicuramente ci aiuterà ma finché noi non troviamo un farmaco efficace o il vaccino, il rischio che riparta c'è", ha proseguito Gallera. E l'esempio arriva dalla Cina: "Oggi stanno vivendo il problema dei contagi di ritorno, cioè di persone che arrivano da altri paesi e portano di nuovo il contagio - ha sottolineato l'assessore -. Quindi sarà lunga, anche se non penso che si possa immaginare che per quattro mesi i nostri cittadini rimangano a casa, non lo hanno fatto neanche a Wuhan". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi un passaggio sul tema della stretta delle misure, tra la chiusura delle attività non produttive e il governo che martedì sera ha approvato un nuovo decreto. "Era necessaria, abbiamo visto anche col tracciamento dei movimenti dei cellulari che settimana scorsa il 40% delle persone in Lombardia si è mosso e molti di questi per le attività lavorative. C'era la necessità di ridurre - le parole di Gallera -. Così evitiamo che le persone si passino il contagio. L'abbiamo chiesto e abbiamo attuato un'ordinanza, il governo è arrivato qualche ora dopo e poi stato chiarito che vale la nostra ordinanza".
 
Anche se non manca qualche pecca: "Poteva essere reso un po' più rigido e delineato - ha ammesso l'assessore -. Poi è chiaro che chi rimane aperto deve garantire le misure anti contagio e qui abbiamo il problema della mancanza di dispositivi di protezione individuale. Se potessimo dare guanti e mascherine a tutti i lavoratori, tutto questo potrebbe essere meglio garantito. Il rischio - ha concluso Gallera - è che in qualche azienda questo non avvenga".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, per la Regione "dati confortanti" ma la crescita dei contagi (e dei morti) è senza fine

  • Coronavirus, ecco l'applicazione per il cellulare: "Vi chiediamo di scaricarla tutti"

  • Coronavirus, gli esperti bocciano l'apertura scaglionata: "Sì a un altro mese di chiusura"

  • Coronavirus, prese due aerei e un taxi per scappare da Milano: donna muore in Sicilia

Torna su
MilanoToday è in caricamento