menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Museo del Novecento (foto Comune di Milano)

Museo del Novecento (foto Comune di Milano)

Lombardia zona gialla, quando riaprono i musei: ancora qualche settimana. Ma qualcuno riparte subito

L'assessore Del Corno tiene chiusi i musei civici e chiede agli altri di aspettare per una riapertura "massiccia" di marzo

La Lombardia entra in zona gialla lunedì 1 febbraio, dopo una settimana di rossa "sbagliata" e una di arancione. Ma i musei a Milano resteranno chiusi ancora per un po'. Il decreto governativo permetterebbe la riapertura, una novità rispetto alle regole anti Covid sulle zone colorate in vigore fino a poco tempo fa. 

La linea è stata dettata, per così dire, dall'assessore alla cultura Filippo Del Corno, secondo cui «aprire un museo non è come accendere un interruttore. Ci vuole tempo e, soprattutto, serve serietà e la programmazione necessaria che un passaggio settimanale, o quasi, da una fascia di rischio all'altra non permette di avere». L'assessore si è spinto più in là, auspicando che questo messaggio «sia recepito anche a livello nazionale».

Del Corno ha aggiunto che il Comune di Milano sta preparando una «apertura massiccia e coordinata di tutti i musei cittadini, quelli civici ma anche quelli privati e statali», ma servirebbe una situazione stabilizzata che ora non c'è. Tradotto, l'assessore teme che tra due settimane si torni in zona arancione e i musei siano costretti a chiudere nuovamente. Quindi meglio aspettare per riaprire tutti insieme. Per esempio in occasione di MuseoCity (4-7 marzo).

ll programma di riaperture del Comune di Milano

Nel pomeriggio di lunedì 1 febbraio, Palazzo Marino ha annunciato il programma ufficiale di riapertura di mostre e musei per quanto riguarda direttamente la gestione comunale. Le mostre vengono anticipate ma si conferma l'impostazione generale dell'assessorato alla cultura di aspettare un po' per ripartire davvero.

Il 9 febbraio, da martedì a venerdì, riapriranno varie mostre, alcune allestite durante il periodo di chiusura, mai aperte al pubblico e visitabili fino ad oggi solo in forma virtuale: "Divine e Avanguardie. Le donne nell’arte russa" e "Prima, donna. Margaret Bourke-White" a Palazzo Reale (orario 10-19.30), "Carla Accardi. Contesti" al Museo del Novecento (orario 10-19.30), "Giuseppe Bossi e Raffaello" al Castello Sforzesco (orario 10-17.30), "Sotto il Cielo di Nut. Egitto divino" al Museo Archeologico (orario 10-17.30), "Orticanoodles. Inside" allo Studio Museo Francesco Messina, "La prima stagione di Gianni Dova" alla Casa Boschi di Stefano (orario 10-17.30), "La grande strada Inca" al Mudec (Sala Khaled Assad). La mostra "Luisa Lambri. Autoritratto", allestita al PAC Padiglione d’Arte Contemporanea, aprirà invece martedì 16 (orario 10-19.30). 

A partire dal 16 febbraio, sempre da martedì a venerdì, sarà di nuovo possibile visitare o riscoprire le collezioni permanenti di Castello Sforzesco (orario 10-17.30), Acquario Civico (orario 10-17.30), GAM Galleria d’Arte Moderna (orario 10-17.30), Palazzo Moriggia Museo del Risorgimento (orario 10-17.30), Palazzo Morando Costume Moda Immagine (orario 10-17.30). 

Il 2 marzo, infine, si aprirà una settimana speciale dedicata all’apertura del sistema museale cittadino, in concomitanza con Milano Museo City, che vedrà protagonisti il Museo del Novecento e il Museo di Storia Naturale, con riallestimenti e nuove sezioni, e Palazzo Reale che inaugurerà "Le signore dell’Arte. Storie di donne dal '500 al '600”", una grande produzione dedicata alle artiste vissute in quel periodo: Artemisia Gentileschi, Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana, Elisabetta Sirani, Fede Galizia, Giovanna Garzoni, e molte altre ancora.

Musei non comunali: la maggior parte aspetta

Molti spazi espositivi permanenti della città sembrano avere accolto l'invito a temporeggiare. Vari altri indirizzi museali hanno deciso di seguire la sua linea. Non riaprirà subito, ad esempio, il Museo della Scienza e Tecnologia. Non riaprirà Brera. E non riaprirà il Memoriale della Shoah, dove in questi giorni si sono svolte alcune commemorazioni in forma privata: «Abbiamo deciso di accogliere la richiesta dettagliata dall'assessore alla cultura Del Corno, ossia di aspettare che la situazione si sia stabilizzata per riaprire, e creare una rete tra i musei e i luoghi di cultura milanesi, organizzandosi per la riapertura dei musei come una vera e propria festa», scrive il Memoriale su Facebook.

Ma c'è chi riapre subito: l'HangarBicocca

Ma c'è anche chi va in controtendenza. E' il caso del Pirelli HangarBicocca, che ha annunciato la riapertura al pubblico per il 3 febbraio 2021 «garantendo - si legge in una nota - un’esperienza di visita in totale sicurezza e una visione integrale delle opere». I visitatori potranno accedere agli spazi dal mercoledì al venerdì dalle 10.30 alle 20.30 e potranno visitare le installazioni su larga scala che compongono la mostra "Short-circuits" dedicata a Chen Zhen, nonché l’installazione permanente "I Sette Palazzi Celesti 2004 - 2015" di Anselm Kiefer. Inoltre, se le condizioni epidemiologiche lo consentiranno, dal 17 febbraio verrà aperta al pubblico la mostra "Digital Mourning" di Neil Beloufa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento