menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Così la Lombardia vuole riaprire piscine e palestre

Vaccini a personale e utenza direttamente in piscine e palestre: il piano lombardo

Vaccini e riaperture. Martedì, il consiglio regionale della Lombardia ha approvato una mozione presentata da Franco Lucente, capogruppo di Fratelli d'Italia al Pirellone, che chiedeva un protocollo per far tornare a lavorare piscine, palestre e scuole di danza. 

La grande novità è che la regione ha aperto alla possibilità che siano le stesse strutture, attraverso i loro medici, a vaccinare personale e clienti così da accelerare il processo di ritorno alla normalità. “Fratelli d’Italia si era presa l’impegno di essere la voce delle palestre, chiuse da mesi, e io ho portato questo impegno in Regione", ha commentato Lucente. 
 
"Invito la Giunta ad attivarsi per quanto di propria competenza, ovvero nel porre in essere tutte le opportune relazioni anche con il governo nazionale al fine di sollecitare la riapertura delle piscine, delle palestre e centri di danza, consentendo di poter vaccinare al proprio interno il personale e l’utenza tramite i medici con cui collaborano. Regione Lombardia è stata capofila in Italia nel chiedere e ottenere che le vaccinazioni anti covid venissero fatte anche all’interno delle aziende e non vi è motivo di escludere da tale possibilità i gestori di palestre, piscine e scuole di danza, anche in considerazione del fatto che tali strutture già collaborano con medici che potrebbero somministrare il vaccino non solo ai dipendenti e agli operatori, ma anche ai propri utenti", ha rimarcato il capogruppo di Fratelli d'Italia.

"Con la mozione otteniamo due benefici: da un lato diamo finalmente la possibilità a un intero settore di ripartire, almeno finché il Governo non smette di vessare le palestre e le riapre in sicurezza, dall’altro diamo ulteriore spinta alle vaccinazioni. Confidiamo che da Roma questo sia l’incentivo per riaprire gli impianti sportivi, che hanno speso tempo e denaro per mettersi a norma e poi sono state chiuse senza appello”, ha concluso Lucente. 

L'ok alla mozione ha soddisfatto anche Lara Magoni, assessore regionale al turismo. È "un'iniziativa importante e che appoggio con convinzione. Regione Lombardia sta già compiendo uno sforzo enorme in ambito vaccinale. Riaprire palestre, piscine e scuole di danza in totale sicurezza è possibile. Solo così si potrà dare un segnale di speranza a centinaia di professionisti che da oltre un anno non lavorano - ha commentato -. Lo sport è vita e aiuta a superare le difficoltà psicofisiche che soprattutto i giovani stanno subendo in questo momento particolarmente difficile".

"Regione Lombardia - ha continuato Lara Magoni - ha aperto alle vaccinazioni anti covid nelle aziende. E lo stesso criterio si può utilizzare in strutture come palestre, scuole di danza e piscine, con l'aiuto di quei medici che già collaborano con loro. Occorre riaprire il prima possibile e in sicurezza le attività produttive del Paese. Mi auguro davvero - ha concluso - che la mozione possa aiutare un intero settore a riprendere fiato e ripartire, dopo un periodo in lockdown totale". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Al Policlinico si iniziano a chiudere i posti letto covid

  • Cronaca

    Silvio Berlusconi è stato ricoverato al San Raffaele

  • Coronavirus

    Cosa succede dopo il vaccino anti covid?

  • Attualità

    A Milano un altro assembramento di ragazzi per girare un video

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Cannabis (light) gratis con Isee fino a 40.000 euro

  • Sport

    Tanto col calcio vale tutto

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento