"L'Italia chiamò": maratona su YouTube per raccolta fonda per medici e infermieri

Uniti nel più grande live streaming di tutti i tempi su YouTube. Per raccontare al mondo come reagisce un grande Paese davanti a un’emergenza. E per sostenere con una raccolta fondi il grande sforzo di medici e infermieri. Per la creazione di nuove postazioni presso i reparti di terapia intensiva su tutto il territorio nazionale Partecipa alla diretta! #litaliachiamo #iorestoacasa

Protagonisti del mondo della cultura, della scienza, dell’economia, dell’innovazione. Voci e volti della radio e della tv. Attori, scrittori, cantanti, scienziati. Tutti uniti nel più grande live streaming di tutti i tempi per raccontare al mondo come reagisce l’Italia davanti all’emergenza Coronavirus. E per ribadire, oggi più che mai, come sia necessario ascoltare le indicazioni che ci vengono fornite per contenere il contagio: perché “rimanere in casa” non è tempo perduto ma l’occasione per fare qualcosa di straordinario.

Insieme racconteremo le storie di chi sta tenendo aperte le scuole attraverso la tecnologia, assicurando a migliaia di ragazzi la continuità didattica. Incontreremo quegli imprenditori e quei manager che con lo smart working stanno reinventando le proprie aziende per continuare ad essere le protagoniste del tessuto produttivo del nostro Paese. Ci collegheremo con i tanti artigeni e wwworkers distribuiti in ogni angolo d’Italia che continuano ad animare le loro piccole imprese artigiane sfruttando le leve del digitale. Assisteremo alla messa in scena di momenti di festival culturali, produzioni teatrali, concerti e mostre sospese o cancellate: performance, interviste, canzoni, poesie, tutte in streaming dalle case degli artisti.

Tutto questo è “L’Italia Chiamò”, una lunga staffetta tra conduttori radio e tv di tutte le emittenti. Una maratona di 18 ore che prenderà vita venerdì 13 marzo in live streaming dalle 6.00 alle 24.00 su litaliachiamo2020.it, su YouTube e su centinaia di altri siti di news e di emittenti che metteranno a disposizione le proprie frequenze e i propri spazi per dare un contributo al “risorgimento” del nostro Paese. Per commentare o porre domande in diretta si fa riferimento agli hashtag: #litaliachiamo #iorestoacasa.

“L’Italia Chiamò” è una piattaforma aperta che si avvale del contributo di tutta la società civile. E’ possibile aderire al progetto scrivendo a partecipa@litaliachiamo2020.it e inviando audio, video, e immagini che verranno condivisi durante il programma

“L’Italia chiamò” è una “maratona” promossa da tutti gli italiani. Un modo per contribuire a cambiare la narrazione del Paese e mostrare al mondo la sua capacità di reazione.

Una lunga diretta per rendere protagoniste le voci di chi non vuole arrendersi nel rispetto di quanto viene chiesto dalle autorità. Una lunga diretta per promuovere un’imponente raccolta fondi per sostenere il grande sforzo dei medici, degli infermieri e di tutti gli addetti del sistema sanitario nazionale. Grazie alla collaborazione di tutte le compagnie telefoniche, sarà possibile inviare un sms o, in alternativa, effettuare un versamento su un conto corrente messo a disposizione dalla Protezione Civile. Tutte le informazioni per contribuire saranno disponibili sul sito www.litaliachiamo2020.it Il ricavato verrà destinato ai reparti di terapia intensiva maggiormente “stressati” dall’emergenza in corso.

PROMOTORI: Arsenale23, I Copernicani, Conversazioni sul Futuro, Ernesto Belisario, Emanuele Bevilaqua, Giampaolo Colletti, Paolo Iabichino, Mondo Digitale, nopanic-agency, Parole Ostili, Riccardo Luna, Talent Garden, Telefono Azzurro, StartupItalia, Wwworkers.it, Comin & Partners 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

Torna su
MilanoToday è in caricamento