Coronavirus: il remdesivir sarà sperimentato anche al Sacco e a Pavia

Si tratta di un farmaco considerato tra i più promettenti nella lotta al Coronavirus

(Pixabay)

L'ospedale Sacco di Milano e il San Matteo di Pavia (insieme all'azienda ospedaliera di Padova) sono coinvolti in una sperimentazione a livello mondiale di un farmaco antivirale, il remdesivir, che starebbe risultando efficace nella cura del Coronavirus. L'azienda californiana Gilead Sciences, a fine febbraio, aveva annunciato l'avvio di studi clinici su circa mille pazienti, in Asia e successivamente in altri Paesi tra cui, adesso, l'Italia.

Gli studi riguarderanno 400 pazienti in gravi condizioni e 600 pazienti più stabili. Il remdesivir è stato sviluppato come trattamento per l'Ebola e il Marburg, successivamente è stato dimostrato che mostra attività antivirale contro altri virus a Rna a singolo filamento (Lassa, Nipah, Hendra e la classe dei Coronavirus, come quelli che causano la Sars). Si tratta di uno dei più promettenti rimedi al nuovo Coronavirus ed è già stato impiegato allo Spallanzani di Roma per curare la coppia di turisti cinesi che venne ricoverata lì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

Torna su
MilanoToday è in caricamento