Bar, ristoranti, parrucchieri: il rebus delle riaperture il 18 maggio

Tempi strettissimi ma decisione ancora rinviata. I negozianti, se vorranno riaprire, avranno tempo un weekend per adeguarsi a norme di sicurezza non ancora scritte in una delibera

Rimandata a venerdì la decisione di Regione Lombardia su cosa aprire lunedì 18 maggio. Lo ha annunciato il governatore Attilio Fontana, ribadendo comunque che le aperture ci saranno esclusivamente nel rispetto delle garanzie sanitarie. E' ancora fitto il "calendario" di consultazioni prima di statuire una decisione definitiva. 

Il presidente della Regione parlerà, giovedì pomeriggio, con i sindaci dei capoluoghi di provincia per raccogliere i loro pareri, poi (e questo sarebbe l'incontro chiave) venerdì mattina con il comitato tecnico-scientifico. In mano, il governatore ha le linee guida dell'Inail, che a livello nazionale ha stilato i "vademecum" per la sicurezza sanitaria sui luoghi di lavoro, compresi gli esercizi commerciali aperti al pubblico. «Faremo un ampliamento di apertura nel caso in cui ci sia la certezza che lo si possa fare nel rispetto della garanzia sanitaria e della situazione economica», ha spiegato il governatore, di fatto ribadendo la "linea" della Lombardia, quella di non indicare categorie che possono aprire e categorie che devono restare ancora chiuse, ma propendendo per l'apertura generalizzata a patto che il singolo esercente riesca a rispettare le indicazioni di sicurezza.

I lombardi devono quindi attendere ancora un giorno prima di sapere se, lunedì 18 maggio, il proprio ristorante, bar, parrucchiere, negozio potrà riaprire. L'incertezza è cattiva consigliera; gli imprenditori, nel weekend, dovranno adeguarsi a linee guida ancora non rese note in una delibera, ordinanza o decreto, se vorranno aprire lunedì. Chi ha più "fretta" in realtà ha dovuto già adeguarsi senza poter sapere se rispetterà appieno le norme indicate. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovedì è stata varata l'ordinanza di Regione Lombardia che impone la rilevazione della temperatura ai dipendenti in ogni luogo di lavoro, a partire da lunedì 18 e fino a fine mese. Con questo gli imprenditori si devono necessariamente dotare del termoscanner entro pochissimi giorni (e si tratta di apparecchi non sempre reperibili con facilità, dipende dalla "fortuna" di avere una farmacia o un negozio nelle vicinanze che ne sono dotati), altrimenti a rigor di norma non potrebbero aprire i battenti delle loro imprese. E tutto per dodici giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: lockdown totale per Milano e la Lombardia? Fontana smentisce

  • Anche a Milano esplode la rabbia, rivolta anti Dpcm: molotov, bombe e assalto alla regione

  • Mara Maionchi ricoverata per coronavirus a Milano

  • Follia a Il Centro di Arese, fratelli aggrediscono i carabinieri: "Infame, adesso ti taglio la gola"

  • Lombardia, nuova ordinanza: confermato il coprifuoco, recepite le regole del Dpcm

  • Bollettino coronavirus: 5mila contagi in Lombardia, boom di ricoveri. Ecco la situazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento