menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente della Regione Attilio Fontana e l'assessore regionale al Welfare Letizia Moratti (foto Ansa)

Il presidente della Regione Attilio Fontana e l'assessore regionale al Welfare Letizia Moratti (foto Ansa)

"Maxi risarcimento per zona rossa errata e censura Speranza": la Regione approva mozione

Palazzo Lombardia ha chiesto di quantificare "un maxi risarcimento per i danni dell'errata collocazione della Lombardia in zona rossa"

Una mozione urgente per chiedere la "censura delle azioni" del ministro Speranza e di quantificare "un maxi risarcimento per i danni dell'errata collocazione della Lombardia in zona rossa". È quanto ha approvato la Regione dopo la proposta del primo firmatario del documento, il capogruppo della Lega Roberto Anelli, e dopo il voto favorevole di tutto il centrodestra.

Covid: la bagarre in Regione sull'errore della zona rossa e quella "difficoltà" a fornire i dati grezzi

Il testo è stato approvato nel pomeriggio di martedì 26 gennaio con la sola maggioranza in aula (46 presenti, tutti favorevoli) dopo che i gruppi di opposizione del centrosinistra avevano lasciato i lavori - in segno di protesta - all'inizio della sessione pomeridiana. Dell'opposizione era rimasta solo la consigliera del Gruppo Misto Patrizia Baffi, che in passato ha lasciato il Pd per aderire a Italia Viva, e che comunque non ha partecipato al voto della mozione.

"Pasticcio zona rossa", potrebbe scattare una class action contro la Regione

Il documento approvato, nello specifico, chiede l'impegno "a richiedere ai massimi organi istituzionali della Repubblica Italiana la censura del ministro Speranza" e invita il presidente Fontana ad "adoperarsi nelle sedi opportune per chiedere di quantificare il ristoro totale dei danni subiti ingiustamente dalle attività economiche lombarde a causa dell'erronea collocazione della Lombardia in zona rossa".

Con la mozione, infine, viene chiesto che "venga avviato con la massima urgenza un tavolo tecnico di confronto tra Governo e Regioni al fine di rendere oggettivi e trasparenti i criteri di valutazione con i quali vengono definiti i gradi di rischio pandemico e conseguente la collocazione delle Regioni nelle diverse classi di rischio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Isolata in Lombardia una nuova (e rarissima) variante di covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento