rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Coronavirus

Sala striglia la Regione sui vaccini: "Inutile fare promesse che non si possono mantenere"

A dare la notizia sulla tempistica per i vaccini agli anziani era stato il direttore del Welfare

“Penso che bisogna essere molto chiari, è inutile fare promesse che non si possono mantenere: tempo addietro avevano parlato di vaccinarci tutti entro giugno. Non credo ci sia nessun bisogno di fare polemiche in questo momento però dobbiamo essere chiari con i cittadini”. Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha risposto ai cronisti che gli chiedevano come valutasse l’andamento della campagna vaccinale e l’annuncio della Regione Lombardia che entro aprile tutti gli anziani saranno vaccinati.

“I presupposti che ci ritrovassimo in questa situazione c’erano tutti, il problema è riuscire a vaccinare il più in fretta possibile la popolazione. Non c’è da sorprendersi perché non ne siamo ancora fuori, bisogna lavorare al meglio per riuscire a vaccinare. Come Comune stiamo mettendo a disposizione luoghi, spazi e personale per sostenere questa campagna” ha proseguito il sindaco che sulla possibilità di un ritorno della Lombardia in “zona arancione” prima di Pasqua, ha spiegato “è difficile esprimere opinioni, è un fatto puramente tecnico, non una decisione politica”.

A dare la notizia sulla nuova tempistica per vaccinare gli anziani in Lombardia era stato il direttore generale del Welfare di Regione Lombardia, Giovanni Pavesi, durante una seduta della commissione Sanità al Pirellone. L'obiettivo dichiarato è il 5 o 6 aprile: entro Pasqua dunque tutti gli over 80 lombardi dovrebbero aver ricevuto almeno una prima dose. Se i tempi saranno rispettati non si sa. Sicuramente, la grande promessa della Regione di vaccinare tutta la popolazione entro la fine di giugno sembra oramai impossibile da mantenere.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sala striglia la Regione sui vaccini: "Inutile fare promesse che non si possono mantenere"

MilanoToday è in caricamento