Coronavirus, sciopero del 25 marzo: si fermano le aziende della carta e della stampa

Per i sin“una condizione di emergenza che non ha precedenti nella sua storia repubblicana”

Uno sciopero di 8 ore in tutte le aziende della Lombardia attive nel settori della lavorazione della carta, del cartone e della stampa. A proclamarlo per mercoledì 25 marzo, così come i metalmeccanici, sono i sindacati confederali della Lombardia che si richiamano al principio “essenziale” del “diritto alla salute”. 

Restano escluse dall’agitazione, riferisce una nota di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil della Lombardia, soltanto quelle aziende “che svolgono attività veramente essenziali legate all’alimentare, alla sanità, alla sicurezza, alla produzione di carta a ciclo continuo e all’informazione, e dove vengano effettivamente fatti e rispettati i protocolli per la sicurezza”.

Lo sciopero del settore della carta

Secondo le segreterie regionali dei sindacati confederali, la diffusione del Coronavirus ha portato la Lombardia in “una condizione di emergenza che non ha precedenti nella sua storia repubblicana” e che ha portato il sistema sanitario regionale “allo stremo”. Eppure le misure adottate a livello centrale e regionale non sono “sufficientemente adeguate a garantire la sicurezza dei lavoratori e dei cittadini”. Soprattutto perchè “non si ha il coraggio di imporre e vigilare su condizioni minime di sicurezza nei luoghi di lavoro e non si vogliono realmente bloccare le realtà produttive non indispensabili”. La priorità è insomma quella di “riconsiderare l’elenco delle attività da tenere aperte e rimettere in ordine le priorità”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In realtà, denunciano ancora i sindacati, “nella stragrande maggioranza delle aziende industriali vi è l’oggettiva difficoltà a rispettare le norme previste”. Lo sciopero proclamato per domani ha dunque un alto valore simbolico: “La preoccupazione per la salute dei lavoratori che rappresentiamo – sottolineano Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil – è troppo alta e non è per noi sacrificabile di fronte a nessun profitto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, morto barista milanese di 34 anni: lascia un bimbo di 1 anno

  • Violente risse nella notte: uomo trovato con avambraccio squarciato

  • Coronavirus, persone asmatiche e allergiche devono temere il contagio più di altre?

Torna su
MilanoToday è in caricamento