Venerdì, 22 Ottobre 2021
Coronavirus

Gallera al ps Buzzi (Milano): "Troppi tamponi pediatrici mandano in tilt il sistema"

L'assessore lancia un appello "a una valutazione attenta da parte dei pediatri" rispetto alla necessità di autorizzare i tamponi agli studenti che manifestano sintomi sospetti del covid

L'ospedale del Bambino Vittore Buzzi ha un nuovo e più accogliente Pronto Soccorso Pediatrico. La struttura è stata inaugurata nelle scorse ore alla presenza degli assessori della Regione Lombardia al Welfare Giulio Gallera e alle Politiche sociali, abitative e Disabilità Stefano Bolognini. Rinnovato nel rispetto delle norme di sicurezza sul Covid, “il Pronto Soccorso – sottolinea l’assessore al Welfare - assicura un maggior comfort ai piccoli pazienti e ai loro genitori. I lavori sono stati eseguiti a cura dell'associazione OBM Ospedale dei Bambini Milano - Buzzi Onlus”.

"La sala d'attesa, totalmente rinnovata a cura dell'associazione OBM Onlus, mette ancora di più il bambino al centro delle cure, permettendogli così di affrontare la visita o il ricovero con la maggior serenità possibile. Quello di mettere la persona al centro è, da sempre, il perno cui stiamo costruendo il nostro modello sanitario. E quando ciò si concretizza, anche nei punti riservati ai più piccoli, significa che stiamo facendo qualcosa di importante. Ricordo anche - ha concluso l'assessore al Welfare - che al Buzzi è attivo anche un punto d'accesso diretto 'Drive trough' dove vengono eseguiti i tamponi ai più giovani".

"La nuova sala d'attesa del Pronto Soccorso, renderà - ha chiosato l'assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità - più confortevole e spensierata l'attesa dei bimbi e delle loro famiglie. Per me è sempre emozionante partecipare alla festa annuale dell'OBM onlus, un'associazione che compie un lavoro straordinario nel rendere più belle e colorate le giornate dei bimbi all'interno dell'ospedale Buzzi di Milano. Quest'inaugurazione è stata anche una bella occasione per ringraziare proprio OBM Onlus e tutti i volontari che ogni giorno regalano un sorriso ai bambini ricoverati". 

Gallera: "Pediatri facciano valutazioni attente, non troppi tamponi"

E un appello "a una valutazione attenta da parte dei pediatri" rispetto alla necessità di autorizzare i tamponi agli studenti che manifestano sintomi sospetti del covid è stato lanciato dall'assessore Gallera. "Noi stiamo lavorando con i pediatri e con i sindacati dei pediatri per definire delle linee guida, ma è il medico che in scienza e coscienza deve decidere cosa fare, non c'è una linea guida che può imporre un comportamento e quindi tutto sta nel senso di responsabilità del pediatra". "Da un lato - ha detto Gallera - noi stiamo facendo di tutto per rendere il più fluido possibile l'accesso ai tamponi e il più veloce possibile processarli. Abbiamo fatto una gara anche per i test anti-genici rapidi, insieme alle Regioni Veneto, Lazio ed Emilia. La gara scade il 28, quindi lunedì. Abbiamo ordinato 1,2 milioni test anti-genici per la scuola e speriamo i primi di ottobre di avere i primi. Tutto questo ha un senso ed è compatibile con numeri che rispondono ai bisogni veri". Se invece "a chiunque viene sollecitato un accesso eccessivo dei tamponi" questo rischia di creare difficoltà al modello organizzativo, ha concluso l'assessore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gallera al ps Buzzi (Milano): "Troppi tamponi pediatrici mandano in tilt il sistema"

MilanoToday è in caricamento