Coronavirus: test rapidi ai 5 mila dipendenti del Tribunale di Milano

La decisione dello screening di massa

Avviata una campagna di screening in Tribunale con i test antigenici rapidi per il Coronavirus. Più di cinquemila persone potranno sottoporsi al test che, se positivo, andrà confermato con un successivo test sierologico tradizionale. Lo hanno deciso i vertici del palazzo. 

I primi uffici ad essere stati "attenzionati" sono quelli della procura, dove si sono registrati almeno sei casi di positività al Covid. Non è chiaro quanto ci vorrà per lo screening, di sicuro diversi giorni. I test vengono forniti direttamente dalla Regione. Ma si stanno prendendo anche altre misure: ad esempio è stato ripotenziato lo smart working laddove possibile.

E anche nelle aule le regole sono ora più rigide: in un processo, in corte d'appello, venivano fatti entrare dodici giornalisti, ma alla quarta udienza di venerdì 23 ottobre ne sono stati ammessi appena tre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

Torna su
MilanoToday è in caricamento