Coronavirus

Mantovani (Humanitas): «Spero in un tetto d'età nazionale su Astrazeneca»

Lo scienziato auspica e prevede che il Comitato tecnico scientifico arrivi ad una decisione che sia omogenea per tutta Italia

Un tetto d'età, chiaro e omogeneo in tutta Italia, sulla somministrazione di Astrazeneca, il vaccino anti covid anglo-svedese. Un tetto fissato, possibilmente, dal Comitato tecnico scientifico. E' quanto auspica e prevede Alberto Mantovani, direttore scientifico dell'Humanitas, intervenuto a Timeline su Sky Tg24. Permangono ancora incertezze sul rapporto causa-effetto con le trombosi rare che si sono verificate; incertezze nel senso che non è affatto detto che siano provocate dal vaccino.

Ma è un dato di fatto che «le persone sono disorientate e hanno motivi per esserlo, per i messaggi che sono arrivati», ha detto Mantovani sottolineando che, nel Regno Unito, si è scelto di somministrare Astrazeneca sopra i 40 anni. In Italia, invece, dipende dalle Regioni: «In Lombardia questo vaccino viene somministrato oltre i 50 anni», ha affermato (anche se non è del tutto esatto: siamo in grado di testimoniare, per esempio, che a Carate Brianza, il 31 maggio, Astrazeneca è stato somministrato anche a quarantenni, ed era l'unico vaccino disponibile quel giorno in quell'hub). Ma che tutto dipenda dalle Regioni evidentemente disorienta ancora di più le persone.

E le trombosi atipiche? «Abbiamo a che fare con una complicanza estremamente rara», ha spiegato Mantovani, «e non è facile definire se davvero ci sia un rapporto causa-effetto»; inoltre, «è appena uscita un analisi su due milioni e mezzo di persone in Scozia che evidenzia problemi legati alle piastrine, ma pone dubbi sull'effettivo rapporto fra il vaccino su base adenovirus di Oxford/AstraZeneca e queste complicanze gravi di trombosi cerebrali o di trombosi».

«Il richiamo con Az è sicuro»

Mantovani si è infine espresso a favore dell'opportunità della seconda dose con Astrazeneca per chi ha avuto la prima somministrazione con il vaccino anglo-svedese: «Queste complicanze, anche gravi, se vengono diagnosticate per tempo e riferite a un centro ad alta specializzazione, nella grande maggioranza dei casi si possono controllare. E non ci sono dubbi, sulla base dei dati, che chi non ha avuto problemi alla prima dose possa avere la seconda in sicurezza».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mantovani (Humanitas): «Spero in un tetto d'età nazionale su Astrazeneca»

MilanoToday è in caricamento