Coronavirus Porta Ticinese / Viale Tibaldi

A Milano, vaccinazioni 'tra i panini' nel fast food di Burger King

L'azienda ha aderito alla possibilità di partecipare attivamente alla campagna vaccinale

Repertorio

Anche i fast food si trasformano in centri vaccinali. Succede a Milano da Burger King, che come altre aziende ha deciso di participare attivamente alla campagna per le vaccinazioni anti covid, somministrando le dosi ai propri dipendenti direttamente nei ristoranti.

Giovedì 20 maggio nel fastfood di viale Tibaldi è stato presentato il piano di vaccini battezzato 'Torniamo Concorrenti' e con il quale l'azienda ha voluto aderire alla campagna di vaccinazione per i dipendenti proposta dalle autorità, organizzando gratuitamente la stessa opportunità per altri quattromila piccoli ristoratori italiani.

"Con l'allestimento di questo format di Hub vaccinale, realizzato per essere facilmente replicato nei nostri ristoranti in Italia, vogliamo dire che siamo pronti, aspettiamo solo il via libera dalle istituzionie inizieremo a vaccinare i nostri dipendenti e i piccoli ristoratori  - ha affermato Alessandro Lazzaroni, amministratore delegato di Burger King Restaurants Italia durante la presentazione -.  Essendo molto piccolo e 'agile', questo format rappresenta un esempio di come la vaccinazione possa, nel prossimo futuro, rappresentare la regola e non l'eccezione nel contesto cittadino, rendendola accessibile a tutti in maniera facile e agevole".

Il format, mette in luce Burger King, "ha avuto il plauso del ministero del Lavoro e della presidenza della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome. La validazione del format di Hub Vaccinale è avvenuta alla presenza del prof. Roberto Burioni, medico virologo di fama e direttore scientifico di Medical Facts, che ha visitato il ristorante di Milano Tibaldi e confermato il suo pieno supporto all'iniziativa".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Milano, vaccinazioni 'tra i panini' nel fast food di Burger King

MilanoToday è in caricamento