menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccini Covid a domicilio, scoppia la polemica. Sindaco di Bollate: «Mi sento preso per il c...»

Il primo cittadino di Cologno, leghista, annuncia che 500 anziani saranno vaccinati a domicilio. Il suo collega di Bollate: «Visto che siamo zona rossa avevo chiesto priorità, mi è stato detto di no»

«Mi sento preso per il c...». E' poco "istituzionale" la ribellione del sindaco di Bollate, Francesco Vassallo (Pd), contro la decisione di Regione Lombardia di non avviare da subito la campagna vaccinale anti Covid agli anziani a domicilio nel suo Comune, mentre nello stesso tempo è stata avviata a Cologno Monzese, guidata da Angelo Rocchi (Lega), con tanto di visita del consulente della Regione per il piano vaccini Guido Bertolaso.

I fatti. Dal 17 febbraio, a causa dell'esplosione di focolai di varianti Covid più aggressive, Bollate è in zona rossa. Contemporaneamente, dal 18 febbraio, è partita la campagna vaccinale per gli over 80, in varie strutture predefinite ma con la possibilità del vaccino a domicilio per gli anziani impossibilitati a muoversi da casa.

Vista anche la collocazione di Bollate in zona rossa, il primo cittadino ha chiesto alla Regione la possibilità di realizzare la campagna vaccinale per gli ultra 80enni «dando priorità ai nostri anziani», spiega, ma gli è stato risposto che non è possibile. Di qui la sorpresa quando Vassallo ha letto un post su Facebook con cui il suo collega di Cologno, Angelo Rocchi, annunciava, «con tanto di presenza del consulente Guido Bertolaso, che il suo comune "è felice di annunciare la vaccinazione di 500 anziani direttamente al domicilio"». Di qui lo "scatto": «Scusate ma mi sento preso per il c... e insieme a me tutti i bollatesi!».

Il Pd: «La Regione favorisce sindaci amici»

La cosa è stata ripresa - e rilanciata - dal consigliere regionale del Pd Pietro Bussolati: «Dopo i fondi del Piano Lombardia ai sindaci amici, anche il piano vaccinale piegato alle esigenze politiche. È la firma di Fontana e Moratti», dichiara l'esponente del Pd: «Vassallo, dopo essersi generosamente adattato, senza polemiche, alla scelta di Regione di mettere il suo Comune in zona rossa, ha chiesto a Fontana di dare la priorità nelle vaccinazioni agli over 80 bollatesi. La Regione ha risposto di no, ma poi ha organizzato la vaccinazione di 500 anziani a domicilio a Cologno Monzese, comune amministrato dalla Lega, con tanto di presenza di Bertolaso e grandi annunci sui social del sindaco leghista Rocchi».

«Il sindaco di Bollate e i bollatesi - conclude Bussolati - si sentono giustamente presi in giro e chiedono risposte. È inaccettabile assistere a spettacoli indegni come questo. Fontana e Moratti chiariscano i motivi di questa scelta e vi pongano rimedio immediatamente».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento