Vaccini anti-influenzali, 100 mila dosi non autorizzate? Il "giallo"

Secondo alcune fonti, 100 mila dosi su 500 mila dell'ultima fornitura non avrebbero l'ok dell'Aifa (Agenzia farmaco)

Un quinto delle dosi acquistate (a 11,99 euro l'una) con l'ultima gara per procurarsi i vaccini anti influenzali sarebbe senza autorizzazione. Si parla di 100 mila dosi su 500 mila, acqistate dalla cinese Life On. La denuncia arriva dal consigliere del Partito Democratico in Regione Lombardia Samuele Astuti, secondo cui le 100 mila dosi non sarebbero riconosciute dall'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), e di conseguenza non sarebbero utilizzabili in Italia.

E' l'ultima tegola sulla Regione che, sui vaccini anti influenzali, ha rincorso fino all'ultimo le dosi, considerando il fabbisogno aumentato rispetto agli altri anni, poiché durante l'emergenza covid è molto importante "eliminare" il più possibile il rischio di dubbi tra influenza stagionale e, appunto, covid, dato che i sintomi sono piuttosto simili. Soltanto pochi giorni fa il direttore generale welfare ha "smentito" di fatto il presidente della giunta Attilio Fontana e l'assessore al welfare Giulio Gallera sulla fornitura dei vaccini anche ai sanitari del settore privato, confermata in extremis dopo circolari in senso opposto.

E ora i vaccini non autorizzati. "L'assenza di quel quantitativo porterebbe la regione vicinissima al limite inferiore della copertura delle categorie più fragili ed esposte, lasciando del tutto scoperte intere fasce di popolazione che, invece, sarebbe importante che si vaccinassero contro l’influenza, come raccomandato dal ministero della salute e da tutti gli organismi competenti nella lotta al covid", afferma Astuti.

Ma la regione replica che non acquisterà vaccini non autorizzati e conferma che le dosi acquistate sarebbero comunque sufficienti per il programma di vaccinazione ai soggetti fragili (over 65, sanitari e pluripatologici) a cui quest'anno, su indicazione ministeriale, si aggiungono i bambini e le persone dai 60 ai 64 anni. Le vaccinazioni inizieranno il 19 ottobre a partire dai soggetti più fragili, poi gli anziani e i bambini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

Torna su
MilanoToday è in caricamento