menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid: vaccino Johnson & Johnson sarà sperimentato al Buzzi sui minori

C'è anche l'ospedale pediatrico milanese tra quelli prescelti per la sperimentazione internazionale sui pazienti più piccoli

Il nuovo vaccino anti Covid prodotto da Johnson & Johnson è in via di approvazione dalle autorità del farmaco ma si parla già di come verrà utilizzato. In particolare, la multinazionale ha scelto l'ospedale Buzzi di Milano, speciallzzato nella cura dei pazienti pediatrici, tra i centri di sperimentazione del vaccino sui minori nel contesto di uno studio a livello internazionale.

Fino ad ora, i vaccini esistenti non vengono utilizzati sui minori. Ma le sperimentazioni su questa fascia d'età sono già cominciate anche per Pfizer e Moderna. Si tratta di una fetta di popolazione che, con le varianti Covid precedenti a quella "inglese", non aveva subito gravi conseguenze a causa del Covid, anche se i responsabili del Buzzi ricordano che questa fascia d'età può comunque essere veicolo di contagio. Lo screening avviato in autunno dall'ospedale sulle scuole milanesi dice che la percentuale di positività tra gli alunni è aumentata dal 3% al 12% dall'inizio dell'anno scolastico a Natale.

La variante "inglese" sembra poi essere particolarmente virulenta anche per i bambini, e proprio in questi giorni è stato trovato un focolaio a Bollate con tre plessi scolastici chiusi e almeno 59 casi di positività al "british" Covid. Intanto il vaccino di Johnson & Johnson, come si diceva, attende l'approvazione da parte delle autorità del farmaco. Quella europea (l'Ema) dovrebbe dire il suo sì a inizio del mese di marzo. E le notizie dal mondo dicono che potrebbe essere particolarmente efficace contro un'altra variante di Covid, quella sudafricana. E' stato sperimentato, infatti, anche in quel Paese quando la variante era già in circolazione, dimostrando un'efficacia del 66%.

Il vaccino della multinazionale, con adenovirus come i normali vaccini anti influenzali, si caratterizza per avere bisogno di una sola dose, senza richiamo, e non avere problemi dal punto di vista della conservazione: tra i 2 e gli 8 gradi "resiste" per tre mesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento