menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccini covid, tra una settimana in Lombardia le dosi di Moderna (tra un mese AstraZeneca)

Pfizer continua a essere in ritardo. La regione spera di sopperire con le dosi di Moderna

Vaccini anti covid, una buona notizia per la Lombardia. È prevista per la settimana prossima, infatti, la consegna per i capoluoghi lombardi delle prime 11mila dosi del vaccino di "Moderna". Ad annunciarlo, in una nota, è stato il coordinatore regionale della campagna vaccinale, Giacomo Lucchini, che ha spiegato che i sieri “saranno distribuiti nelle strutture più penalizzate dalla mancata distribuzione di Pfizer”. 

L'azienda farmaceutica statunitense ha infatti cambiato i parametri dell'accordo sottoscritto col commissario nazionale per l'emergenza covid, Domenico Arcuri, fornendo meno dosi del previsto e mettendo così in difficoltà la Lombardia e tutte le altre regioni. Il Pirellone, che in una settimana ha visto "saltare" 20mila sieri, ha dovuto rallentare il ritmo della macchina vaccinale per evitare di terminare i farmaci e tenere le scorte per i richiami, con l'inevitabile conseguenza che la fine della prima fase, prevista per il 28 febbraio, è già slittata all'11 marzo. 

Una mano, quindi, potrebbe arrivare proprio da Moderna, mentre - ha spiegato lo stesso Lucchini - per AstraZeneca “si aspetta l’approvazione di Ema per il prossimo 29 gennaio e quindi l’avvio delle consegne per il mese di febbraio”.

Per quanto riguarda la seconda fase “la campagna - ha proseguito Lucchini - proseguirà quindi con l’allargamento, condiviso con il ministero e la struttura commissariale agli ultraottantenni, alla fascia 60-79 e ai cronici e fragili”. Lucchini ha anche sottolineato che la Lombardia guarda “con grande attenzione al mondo delle aziende e dei medici del lavoro con i quali faremo degli accordi come quelli già sottoscritti con i Medici di medicina generale e le farmacie”. Gli stessi accordi saranno sottoscritti anche con tutte le altre categorie, a partire dalla sanità militare, che potranno dare un contributo fattivo al raggiungimento degli obiettivi”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento