Già pronti 100 volontari per il vaccino lombardo anti coronavirus, se ne cercano altri

Il vaccino sarà sperimentato da Bicocca e San Gerardo. Già pronti 100 volontari

"Voglio fare qualcosa per il bene dei miei nipoti". Queste le parole di un nonno monzese di 70 anni, uno dei tanti volontari che si è candidato per il test di Fase 1 sul vaccino contro il coronavirus sviluppato da Rottapharm-Takis la cui sperimentazione prenderà il via il prossimo inverno sotto la supervisione del San Gerardo di Monza e della Bicocca di Milano. Le candidature su base volontaria hanno già raggiunto quota cento e insieme a quella del nonno brianzolo alla Asst di Monza sono arrivate anche le disponibilità di tante donne e uomini desiderosi di fare qualcosa per la propria comunità e per gli altri. Tra i volontari anche medici e personale non sanitario della Asst di Monza: Un segnale in più di coesione di un ospedale che ha vissuto da molto vicino la tragica ondata di contagi della scorsa primavera”, hanno commentato dal San Gerardo.

“In pochissimi giorni abbiamo ricevuto oltre 100 candidature a volontario per la sperimentazione sul vaccino a Dna anti-Covid”, ha spiegato la professoressa Marina Cazzaniga, direttore del centro ricerca di Fase 1 della Asst di Monza, luogo dove verrà condotta la sperimentazione sul vaccino e che ora ospita, nell’area dedicata, lo screening preliminare dei volontari sani. 

“Non mi aspettavo una partecipazione così entusiasta e soprattutto così numerosa - ha proseguito -. Molti volontari hanno dichiarato di voler fare qualcosa per la comunità, una mail in particolare mi ha commosso nella quale, un signore di oltre 70 anni, ha offerto il proprio contributo «per il bene e la sicurezza dei miei nipoti e della loro generazione»”. 

Come funziona la sperimentazione e come candidarsi

Al momento la Asst di Monza si sta occupando di effettuare un primo screening dei volontari, per la costruzione di un "registro" delle disponibilità. "Raccogliamo soprattutto informazioni sullo stato di salute del soggetto - ha chiarito il direttore del centro di ricerca  -. In un secondo momento, i soggetti inizieranno lo screening vero e proprio dello studio, presumibilmente a novembre, ossia una serie di esami ematici e strumentali, per definire al meglio le condizioni cliniche. Infine eseguiranno la somministrazione del vaccino e dopo 14 giorni saranno richiamati per prelevare un campione di sangue, da cui verranno estratti  gli anticorpi. Sono questi ultimi che, in laboratorio, saranno posti a contatto con il virus attivo: se gli anticorpi estratti neutralizzeranno il virus, il vaccino avrà avuto successo”. 

Nonostante sia già stata raggiunta la soglia di cento volontari - numero necessario per l’avvio della Fase 1 - la Asst di Monza continua a raccogliere adesioni per lo step successivo, quando lo studio verrà esteso a 200 soggetti. 

“Chiediamo a coloro che sono interessati di inviarci una mail all’indirizzo dir.centroricerca@asst-monza.it - l'invito della Cazzaniga -. Stiamo procedendo spediti con grande determinazione all’arruolamento dei volontari dopo aver richiesto ad Aifa la necessaria autorizzazione – ha sottolineato il direttore generale della Asst Monza, Mario Alparone -. Solo i centri abilitati possono infatti effettuare questo tipo di sperimentazione”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

  • Da oggi al 15 gennaio Lombardia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no

Torna su
MilanoToday è in caricamento