Coronavirus

"In autunno aumento dei contagi con variante Delta e abbassamento temperature", dice Pregliasco

Le parole dello scienziato

Ci sarà un 'colpo di coda' del virus del covid in autunno del 2021. Ne è convinto Fabrizio Pregliasco, virologo della Statale di Milano, intervistato dall'Adnkronos Salute. 'Colpa', soprattutto, della variante Delta e con la complicità dell'abbassamento delle temperature.

"Sarà importante anche quest'anno - raccomanda il virologo - ricordare la vaccinazione anti-influenzale perché l'influenza rialzerà la testa se non ci sarà più tutta quella stringenza che c'è stata fino ad ora". Quanto a vaccini anti covid aggiornati contro le varianti "sarà difficile averli già in autunno - dice Pregliasco -. Secondo me la vaccinazione sarà nel 2022 con la dose di richiamo".

"E' da capire secondo l'andamento epidemiologico effettivo della presenza di altre variabili e delle tempistiche registrative perché anche per il vaccino anti-influenzale ogni anno si fa comunque una prassi di verifica, non è automatico che Moderna o Pfizer o altri facciano un vaccino con una composizione diversa e da domani mattina funzioni", conclude lo scienziato.

Cresce in Lombardia la variante Delta

Secondo le ultime valutazioni, datate 28 giugno, il sequenziamento della variante Delta in Lombardia aveva portato a riscontrare questa variante del virus del covid nel 6 per cento dei nuovi positivi, contro il 3,25 per cento di qualche giorno prima

"Regione Lombardia - aveva reso noto Letizia Moratti, assessora al Welfare, il 28 giugno - sequenzia il 100% dei tamponi positivi. Nel mese di giugno variante alpha (inglese) 60% dei tamponi positivi; delta (indiana) 6%; gamma (brasiliana) 2%; beta (sudafricana), kappa (indiana) ed eta 1%".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"In autunno aumento dei contagi con variante Delta e abbassamento temperature", dice Pregliasco

MilanoToday è in caricamento