menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lombardia in arancione rinforzato: "Varianti colpiscono in modo forte anche giovani"

Ad affermarlo Carlo Signorelli, membro del Comitato Tecnico Scientifico della Regione Lombardia, che richiama la necessità di norme rigorose

"A differenza del recente passato, le varianti colpiscono in maniera più forte e veloce anche i giovani", per questo è giusto "agire in maniera rapida e rigorosa, per il bene di tutti". Queste le parole del membro del Comitato tecnico scientifico della Regione Lombardia e docente di Igiene e sanità pubblica all'Università vita e salute del san Raffaele di Milano, Carlo Signorelli che ha messo in luce la necessità di adottare misure "rapide e rigorose" per contenere la pandemia.

"La decisione di collocare l'intera Lombardia in fascia 'arancione rafforzata' - ha spiegato Signorelli - è dettata da indicatori che non lasciano spazio a interpretazioni differenti da quanto deciso dal presidente Fontana. Nell'ultima settimana le chiamate al 112 per emergenze infettive e respiratorie hanno fatto registrare un aumento in tutte le aree regionali. Lo stesso discorso vale per la percentuale tra i tamponi effettuati e il numero di soggetti positivi riscontrati".

 "Nel comprendere le difficoltà che molte famiglie si troveranno ad affrontare per decisioni così importanti - ha chiosato il professore - è giusto e doveroso far comprendere a tutti i lombardi che solo agendo in questo modo si potrà fronteggiare la minaccia delle varianti che incombe sempre più in Lombardia e, in generale, su tutto il Paese. Varianti che purtroppo colpiscono, a differenza del recente passato, in maniera più forte e veloce anche i giovani. In tale senso, ripeto, è corretto agire in maniera rapida e rigorosa, per il bene di tutti".

Il presidente Attilio Fontana il 4 marzo ha firmato un'ordinanza che da venerdì 5 mette Milano e tutta la Lombardia in "zona arancione scuro" o "zona arancione rinfozata". Rispetto alla zona arancione, chiuderanno tutte le scuole e le università, non sarà possibile recarsi nella seconda casa né fare visita agli amici (qui tutte le regole e i divieti).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Coronavirus

Che fine farà lo smart working a Milano dopo la pandemia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento