Il falso volantino che invita la gente a uscire dalle case: "Chiamate la polizia, non ha alcun valore"

Il Viminale avverte: "Potrebbe essere mossa di qualche malintenzionato, ignoratelo". Comparso in zona Porta Venezia e Fiera

Si è diffuso in questi giorni, in molte province italiane, un volantino falso scritto su carta intestata del “Ministero dell'Interno-Dipartimento della Pubblica Sicurezza”, con il logo della Repubblica Italiana.

Il falso scritto, che in alcune città è stato trovato affisso negli androni dei palazzi e sui muri dei quartieri, invita eventuali non residenti degli stabili a lasciare le abitazioni che li ospitano, per rientrare nel proprio domicilio di residenza, perché sarebbe in corso l’attività di controllo delle autorità.

Riporta anche l’obbligo di presentare, a richiesta, la documentazione di affitto della casa e i propri documenti con foto. Ma è tutta una bufala.

"Vi invitiamo a fare attenzione. Potrebbe essere l’astuta mossa di qualche malintenzionato per entrare nelle le case in questo periodo di emergenza per Covid-19. Chiunque si imbatta in simili volantini è pregato di segnalarne la presenza alle Forze di polizia e di non seguire le indicazioni in essi contenute", si legge in una nota della polizia di Stato che rassicura i cittadini.

Nessuno, dunque, vi chiederà mai di uscire dalle vostre case. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

De Corato: "Non cascateci"

“In piena emergenza per il contagio da Coronavirus, proseguono le attività criminose di chi si approfitta della situazione per truffare i cittadini spaventati e disorientati: dopo il tranello del tampone a domicilio, infatti, anche nei condomini di Milano, in zona Porta Venezia e Fiera, sono comparsi i falsi avvisi con l’intestazione del ministero dell’Interno-dipartimento della Pubblica sicurezza che preannunciano controlli nelle abitazioni e invitano i non residenti a tornare al proprio domicilio. Ribadiamo che il ministero non ha predisposto nulla di tutto ciò: è solo la mossa di chi cerca di ripulire gli appartamenti. È importante che i cittadini restino in casa e non aprano a persone sconosciute. Faccio mio l’invito della polizia di Stato: ‘Chiunque si imbatta in simili volantini è pregato di segnalarne la presenza alle forze di polizia e di non seguire le indicazioni in essi contenute’. Anche per scoraggiare questi approfittatori, è necessario che si aumentino i controlli delle forze dell’ordine e si dia al più presto la qualifica di pubblici ufficiali ai militari, così da metterli in grado di fermare e arrestare i delinquenti”, dichiara sull'argomento l’ex vicesindaco di Milano e assessore regionale alla sicurezza, all’immigrazione e alla polizia locale Riccardo De Corato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Bollettino e aggiornamento contagi Lombardia: risalgono morti e i contagi, +216 nuovi positivi

  • Coronavirus, "in Lombardia magheggi sui numeri per riaprire". Il Pirellone: "Non è vero". E querela

  • Riapertura Lombardia 3 giugno 2020, gli scienziati scettici: "Troppo rischioso"

Torna su
MilanoToday è in caricamento