menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lombardia e Milano in zona arancione: tutti i negozi che aprono da questa settimana

I negozi aperti con il cambio di status regionale nella lotta la covid-19

Dal 16 gennaio al 5 marzo 2021 la Lombardia, dopo mille polemiche, è in zona arancione. Quindi, secondo le nuove regole per il contenimento del contagio da covid-19, è consentito spostarsi all'interno del proprio comune, tra le ore 5 e le 22, nel rispetto delle specifiche restrizioni introdotte per gli spostamenti verso le altre abitazioni private abitate. Gli spostamenti verso altri comuni sono consentiti esclusivamente per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. 

Quali sono i negozi aperti

In zona arancione, come in zona rossa, sono aperti ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari, compresi i negozi che vendono surgelati. Il Comune di Milano ha indicato, con un'ordinanza, le indicazioni per gli orari di apertura "anti-congestione".

Iper chiusi nel weekend

In zona arancione i negozi all’interno dei centri commerciali sono aperti dal lunedì al venerdì, mentre chiudono di sabato, domenica e nei festivi. Nei giorni di chiusura è comunque assicurata l’apertura di supermercati, farmacie, parafarmacie e tabacchi al loro interno. Aperti in zona arancione i negozi di abbigliamento e calzature per adulti e bambini, le pelletterie, i negozi di intimo, di articoli sportivi e giocattoli.

Farmacie

Aperti regolarmente i negozi di occhiali, le farmacie e le parafarmacie, anche nei centri commerciali di sabato e domenica.

Tabacchi

I tabacchi sono aperti in zona arancione così come in quella rossa, anche nel weekend all’interno di centri e gallerie commerciali.

Edicole, librerie e cartolerie

Edicole, cartolerie e librerie sono aperte in quanto gli articoli al loro interno ritenuti “beni essenziali”, per acquistare biglietti dei mezzi pubblici, libri e materiali necessari alla studio e/o al lavoro.

Articoli per la casa, ferramenta e fiorai

Anche in zona arancione restano aperti tutti i negozi che vendono articoli per la casa, elettrodomestici, ferramente, fiorai e articoli per il giardinaggio e prodotti per l’agricoltura.

Informatica

Sono in funzione i negozi di informatica, specializzati e non, di vendita al dettaglio o riparazione di telefonia, computer, elettrodomestici, attrezzature per le telecomunicazioni ed elettronica di consumo audio e video.

Profumeria e igiene personale

Le profumerie, i negozi di cosmetici e le erboristerie sono regolarmente aperti in zona arancione. Restano aperti i negozi di articoli igienico-sanitari per la casa e per la persona.

Parrucchieri, barbieri ed estetiste

In zona arancione, come in quella rossa, restano aperti i saloni di barbieri e parrucchieri. Anche centri estetici ed estetiste sono in funzione, mentre erano chiusi in zona rossa.

Lavanderie e tintorie

In zona arancione sono aperte tutte le tipologie di lavanderie, tessili, di pellicce e industriali. In funzione anche le tintorie.

Bar e ristoranti

In quest'area è sempre vietato consumare cibi e bevande all’interno dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione (compresi bar, pasticcerie, gelaterie etc.) e nelle loro adiacenze. Dalle 5 alle 18 è consentita la vendita con asporto di cibi e bevande; mentre dalle 18 alle 22 è vietata ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina (e altri esercizi simili) o commercio al dettaglio di bevande. La consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.

"Le attività commerciali al dettaglio - si legge nel testo della legge - si svolgono comunque a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni".  Va da sé che abitare in una regione arancione comporta il divieto di uscire dal proprio comune.“

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Isolata in Lombardia una nuova (e rarissima) variante di covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento