menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Milano, slitta al 19 gennaio il divieto di fumo nei parchi e fermate dei mezzi

Il rinvio per ragioni meramente tecnico-burocratiche. Intanto il Comune di Milano lancerà una campagna informativa

Slitta al 19 gennaio il divieto di fumo presso le fermate dei tram e nei parchi, cimiteri e aree cani di Milano. Il divieto, contenuto nel Regolamento per la qualità dell'aria approvato a novembre, sarebbe scattato il 1 gennaio 2021, ma per ragioni meramente tecniche è stato rinviato di una ventina scarsa di giorni. Palazzo Marino precisa che il rinvio è dovuto a motivi burocratici.

Nelle due settimane (abbondanti) che precedono lo stop (parziale) al fumo, il Comune lancerà una campagna informativa in modo che tutti i milanesi arrivino alla "scadenza" con le informazioni corrette. In particolare, sarà vietato fumare presso le fermate dei mezzi pubblici, nei parchi, nelle aree cani, nei cimiteri e nelle strutture sportive, come gli stadi. Se però ci si mantiene ad almeno dieci metri di distanza da altre persone, si potrà fumare.

2025: divieto di fumo in tutte le aree all'aperto

Dal 1 gennaio 2025 il divieto di fumo sarà esteso a tutte le aree pubbliche all'aperto. Si tratta di uno dei provvedimenti del Regolamento. Il divieto di fumo, in particolare, tutela i non fumatori dal rischio dovuto al fumo passivo e, secondo la scienza, può aiutare a ridurre l'inquinamento in città.

Il Regolamento contiene altri obblighi che entrano in vigore da subito. In particolare, è già in vigore il divieto di installare nuovi impianti a gasolio e biomassa per il riscaldamento degli edifici; a partire dal 1 ottobre 2022, invece, sarà vietato utilizzare gasolio anche negli impianti di riscaldamento già esistenti. In altre parole, ci sono due estati di tempo per convertire gli impianti.

Non è ancora un divieto ma un semplice censimento quello che verrrà completato l'1 marzo 2021: entro quella data sarà disponibile una "mappa" completa dei forni a legna presenti nelle pizzerie e ristoranti, per una verifica della loro qualità ambientale. Solo a partire dal 1 ottobre 2022 sarà obbligatorio usare legna certificata "A1", a bassa umidità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate al 20 gennaio per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento