Martedì, 16 Luglio 2024
Attualità

Elena Beccalli nuova rettrice della Cattolica, è la quarta donna alla guida di un ateneo a Milano

La Beccalli scelta come rettrice per il prossimo quadrienno. Le sue prime parole

È Elena Beccalli la nuova rettrice dell’università Cattolica del Sacro Cuore per il prossimo quadriennio 2024-2028. Nominata dal consiglio di amministrazione dell’ateneo, che si è riunito giovedì, la professoressa Beccalli succede al professor Franco Anelli, scomparso lo scorso maggio. È la prima donna a ricoprire questo incarico nella storia dell’ateneo.

Professore ordinario di economia degli intermediari finanziari nella facoltà di Scienze bancarie, finanziarie e assicurative, dove dal 2014 ha ricoperto il ruolo di preside, la Beccalli, 50 anni, è research associate del "Centre for Analysis of risk and regulation" della London School of Economics, in cui precedentemente è stata anche tutorial fellow, lecturer e visiting professor. È academic fellow del "Centre for Responsible Banking & Finance" della University of St Andrews. È stata visiting professor al Singapore Institute of Management e al China Center for Economic Research dell’Università di Pechino. È direttore del centro di ricerca sul credito cooperativo dell’università Cattolica del Sacro Cuore, oltre che presidente della sezione italiana dell’associazione europea per il diritto bancario e finanziario. La nuova rettrice della Cattolica è membro del comitato scientifico della fondazione Centesimus Annus Pro Pontifice e fa parte del gruppo di esperti su investimenti socialmente responsabili della Conferenza Episcopale Italiana. 

"L'università Cattolica del Sacro Cuore è per sua vocazione un ateneo 'universale', dove il dialogo e il confronto sono aperti, liberi, interdisciplinari, orientati a creare reti e alleanze strategiche. Un’università in grado di offrire - con rigore, creatività, coraggio - un contributo di pensiero alle questioni di frontiera, grazie al coordinamento delle numerose e qualificate iniziative della comunità accademica", ha detto la professoressa Beccalli nel ringraziare il corpo docente e il consiglio di Amministrazione che l’ha nominata alla guida dell’Ateneo. "L'università Cattolica deve avere la capacità di rinnovarsi, attuando un processo di innovazione che poggi su radici consolidate e riconosciute" poiché, ha aggiunto, "è chiamata a porsi come polo di riferimento, dalla forte proiezione internazionale, per una didattica e una ricerca di qualità, così da alimentare il circolo virtuoso tipico di una research university, preservando la nostra identità di comunità educante". L’intento - ha continuato - "è fare in modo che il nostro ateneo sia un bacino naturale a cui possano attingere la società civile, le istituzioni, il mondo del lavoro e non da ultimo la chiesa italiana e universale. Un modello che possa rappresentare la migliore università 'per' il mondo". 

Guardando al futuro dei corsi di studio, la professoressa Beccalli ha messo in evidenza che "la riconoscibilità della qualità dell’offerta formativa punterà, con uno sguardo lungo, sul valore dell’ibridazione interdisciplinare dei percorsi di studio e sull’innovatività richiesta dalle trasformazioni sociali e del mondo del lavoro. Il tutto avendo come prioritari, nel solco della nostra tradizione, la cura dello studente e - ha concluso - la valorizzazione della sua esperienza di studio in spazi accoglienti, belli, funzionali e tecnologicamente all’avanguardia".

Beccalli è la quarta rettrice negli atenei milanesi: Maria Grazia Brambilla è stata appena nominata alla Statale - anche lei prima donna nella storia dell'ateneo -, Donatella Sciuto è alla guida del Politecnico e Giovanna Iannantuoni è la rettrice della Bicocca oltre che la prima donna alla guida della Crui, la conferenza dei rettori delle università italiane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elena Beccalli nuova rettrice della Cattolica, è la quarta donna alla guida di un ateneo a Milano
MilanoToday è in caricamento