rotate-mobile
Esami / Porta Lodovica / Via Roberto Sarfatti

Beccato copiare in Bocconi, non può fare esami per 6 mesi

Uno studente è stato pizzicato usare lo smartphone in un test: volontariato e stop agli esami per 6 mesi

Copia guardando il cellulare. Ma non la fa franca e viene pizzicato. Così ecco la sanzione: niente esami alla Bocconi per sei mesi. Lo studente, infatti, è stato ritenuto responsabile di aver violato il patto sottoscritto con l'adesione al 'Codice di comportamento degli studenti' dell'ateneo.

In questi casi la 'prassi' contemplata dall'università prevede per lo studente la possibilità di vedersi abbuonare i secondi tre mesi di sospensione se convertiti in tre mesi estivi di volontariato, che il giovane si è impegnato a svolgere in una struttura religiosa di assistenza ai bisognosi.

Secondo quanto è emerso, nel gennaio scorso, durante un esame, lo studente era stato sorpreso a guardare uno smartphone e aveva tentato inutilmente di giustificarsi sostenendo che si stava aggiornando su un problema personale di un familiare. La giustificazione faceva acqua da tutte le parti e non aveva convinto nessuno.

Così la vicenda è finita davanti al Tar della Lombardia secondo il quale lo stop agli esami da marzo a settembre 2024 "non risulta abnorme non solo a fronte della condotta accertata (il possesso di un telefono cellulare contenente un testo visibile durante una prova di esame scritta), ma anche della infondatezza delle giustificazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Beccato copiare in Bocconi, non può fare esami per 6 mesi

MilanoToday è in caricamento