Attualità

Assalto a tram e monumenti, tuffi nei Navigli ed esplosioni: la notte senza regole di Milano

A nulla sono valsi i tentativi di evitare assembramenti. Migliaia le persone presenti in piazza Duomo

Foto Ig/slv_coro

Tuffi nei Navigli e in alcune fontane, tram e autobus presi letteralmente d'assalto, razzi, petardi, bombe carta e botti. Questa la notte senza regole con cui dopo un anno di chiusure e divieti, Milano ha festeggiato l'agognata vittoria agli Europei di calcio. A nulla sono valsi i tentativi di evitare assembramenti, che avevano portato alla decisione di vietare i maxi schermi: dopo il fischio finale la folla si è riversata in strada e nelle piazze, con il Duomo invaso da migliaia e migliaia di persone.

La presenza delle forze dell'ordine non ha potuto impedire che i monumenti venissero 'scalati' e occupati dai numerosi milanesi la cui gioia per il trofeo era incontenibile. Il tetto dei tram è diventata una pedana per cori e balli, mentre i caroselli impazzavano per le vie della città e alcune moto attraversavano zone pedonali, come la stessa piazza Duomo. In molti casi i festeggiamenti sono stati accompagnati dall'ampio uso di alcol, tanto che verso l'una di notte un 30enne italiano è stato soccorso in coma (quasi certamente) etilico dopo che un razzo lo aveva colpito al volto provocandogli una grave ferita all'occhio. I soccorritori lo hanno accompagnato in ambulanza, in codice rosso, all'ospedale Fatebenefratelli di Milano.

Feriti, soprattutto agli arti, per via dei petardi e non solo, anche diversi giovani in piazza Duomo, fra cui due in modo molto serio. Verso mezzanotte sette ambulanze e due auto mediche sono accorse all'ombra della Madonnina, soccorrendo una quindicina di persone, tra cui un dodicenne. Tre di loro si trovavano in condizioni critiche: il primo, 30 anni, ha riportato una profonda ferita all'addome dopo che una bomba carta gliel'ha perforato; un 21enne ha subito l'amputazione di tre dita della mano a causa dell'esplosione di un petardo; e un 22enne si è ferito al torace dopo essere rimasto agganciato a una transenna, probabilmente spinto dalla folla.

Del caos in cui versava la città, tronfia per la storica vittoria, hanno approfittato due malviventi rapinando dello smartphone e minacciando una coppia che si trovava in auto in piazza Emilia, zona est di Milano. Entrambi sono però stati fermati dagli agenti della polizia locale e tratti in arresto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assalto a tram e monumenti, tuffi nei Navigli ed esplosioni: la notte senza regole di Milano

MilanoToday è in caricamento