rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
L'evoluzione

Febbre del Nilo: un morto in Lombardia

Il virus del Nilo occidentale (conosciuto con la denominazione inglese di 'West Nile Virus') è un Arbovirus che può infettare l'uomo a seguito della puntura di zanzara infetta

Fari ancora accesi sul West Nile virus in Lombardia e in Italia. Nel Bresciano è morta una delle persone infettate dalla Febbre del Nilo, com'è nota la malattia. Era ricoverata in gravissime condizioni in ospedale e secondo quanto riportato da BresciaToday era residente nel Bassa.

I casi confermati di Febbre del Nilo in Lombardia, aggiornati a lunedì 8 agosto, stando a quanto comunicato dalla Regione mercoledì, sono in totale 11 (inclusa la persona deceduta, quindi adesso 10): si trovano nei territori di Milano, Cremona, Lodi, Mantova, Pavia, Brescia e Varese. Tra questi 10 casi 3 sono neuroinvasivi (casi gravi con paziente ricoverato con sintomatologia neurologica ad esempio meningoencefalite), 3 febbri (casi non gravi, il sintomo rilevante è la febbre) e 4 donatori (riscontrati casi in donatori asintomatici identificati tramite screening sulle sacche di sangue).

"In Regione Lombardia - dichiara la vicepresidente e assessore al Welfare - è presente un sistema integrato umano-veterinario di sorveglianza sulla circolazione del virus del Nilo occidentale. Vengono infatti monitorate sia le infezioni nelle zanzare (sorveglianza entomologica), sia negli equidi, sia negli uccelli e ovviamente i contagi negli uomini. Un sistema efficace - conclude - che ci consente di monitorare costantemente e dettagliatamente la situazione".

Cos'è Il virus del Nilo occidentale

Il virus del Nilo occidentale (conosciuto con la denominazione inglese di 'West Nile Virus') è un Arbovirus che può infettare l'uomo a seguito della puntura di zanzara infetta. L'infezione umana è in oltre l'80% dei casi asintomatica; nel restante circa 20% dei casi i sintomi sono quelli di una sindrome pseudo-influenzale. Nell' 0,1% di tutti i casi, l'infezione virale può provocare sintomatologia neurologica del tipo meningite, meningo-encefalite.

Le diagnosi nei casi umani sono state confermate dai due laboratori di riferimento, l'Irccs di Pavia e l'Asst Fbf-Sacco di Milano. Non esiste una terapia specifica e, nei casi gravi, è esclusivamente di supporto.

I consigli contro la febbre del Nilo

Regione Lombardia raccomanda quindi di adottare tutte le misure di prevenzione per evitare le punture di zanzare: possono essere utilizzati repellenti quando si soggiorna all'aperto; insetticidi e zanzariere per gli ambienti chiusi. Alcuni semplici interventi possono essere efficaci a ridurre la diffusione della zanzara: in orti e giardini, è utile coprire con coperchi ermetici, teli di plastica o zanzariere ben tese, tutti i contenitori utilizzati per la raccolta dell'acqua piovana da irrigazione (cisterne, secchi, annaffiatoi, bidoni e bacinelle).

In cortili e condomini è importante pulire un paio di volte all'anno tombini e pozzetti, applicare una zanzariera a maglia fine sopra il tombino per impedire alle zanzare di deporvi le uova, durante la stagione umida, trattare ogni 15 giorni circa i tombini e le zone di scolo e ristagno con prodotti larvicidi. Ed ancora, nelle grondaie, verificare che siano pulite e non ostruite, nei cimiteri introdurre il prodotto larvicida nei vasi di fiori freschi o sostituirli con fiori secchi o di plastica.

Nei sottovasi è utile non far ristagnare acqua al loro interno e, se possibile, eliminarla, infine negli abbeveratoi di animali è necessario cambiare quotidianamente l'acqua e lavarli con cura. Regione Lombardia raccomanda inoltre ai Comuni di mantenere alta l'attenzione alle misure di prevenzione in particolare la comunicazione ai cittadini e agli amministratori di condominio sulle buone pratiche da utilizzare e l'attività di manutenzione ordinaria (sfalcio d'erba e attività larvicida per tombini).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Febbre del Nilo: un morto in Lombardia

MilanoToday è in caricamento