Attualità Duomo / Piazza della Scala

Flash mob in piazza Scala: in centinaia sotto lenzuoli bianchi come i migranti morti

I manifestanti si sono radunati per chiedere la fine della strage in atto nel Mediterraneo, definendone la vittima "nuovi desaparecidos"

Nuovi desaparecidos (facebook.com/pg/milanosenzafrontiere)

"Migrare per vivere non per morire! Fermiamo la strage. No Cpr". Questa la richiesta delle centinaia di persone che il 2 agosto si sono date appuntamento in piazza della Scala per chiedere la fine delle continue morti dei migranti che cercano di raggiungere l'Europa via mare.

Video: le persone a terra

I manifestanti hanno marciato portando dei cartelli con i volti degli stranieri scomparsi e hanno chiesto la chiusura dei centri di permanenza per rimpatri, luoghi dove spesso sono state registrate violazioni dei diritti delle persone ospitate. I migranti morti nel tentativo di raggiungere i paesi europei sono stati definiti dai presenti come "nuovi desaparecidos", perché "scomparsi fisicamente e cancellati dal dibattito politico e dagli spazi del diritto".

I partecipanti si sono appellati a valori come la solidarietà e il mutuo soccorso, per ricordare che quella dei migranti non è solo "una questione di numeri, ma di vite umane". Alcuni dei presenti hanno poi dato vita a un flash mob sdraiandosi per terra coperti da lenzuoli bianchi e coperte termiche, a imitare i cadaveri dei migranti ripescati nel Mar Mediterraneo. A organizzare l'iniziativa Milano Senza Frontiere, associazione che si batte per i diritti dei migranti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Flash mob in piazza Scala: in centinaia sotto lenzuoli bianchi come i migranti morti

MilanoToday è in caricamento