Il coronavirus ha ucciso lo spettacolo. Dalla regione 1 milione e mezzo per teatri e festival

La regione stanzia 1,54 milioni di euro per il sostegno alle attività dello spettacolo

La protesta in Duomo dello scorso 10 ottobre

Un piccolo modo, ma tangibile, per cercare di riaprire i sipari, di riattaccare le casse, di tenere viva la musica. Anche con il covid. Nonostante il covid. La giunta di regione Lombardia ha deciso lunedì pomeriggio di stanziare 1 milione e 540mila euro in sostegno alle attività del settore cultura e spettacolo, decisamente tra quelli colpiti più duramente dall'emergenza coronavirus. 

Dopo il primo stop di febbraio e le parziali riaperture dei mesi scorsi, con la nuova ondata dell'epidemia - e le nuove misure restrittive - per teatri, festival e tutto ciò che è a loro collegato è arrivato un altro stop. 

Così, il Pirellone - su proposta dell'assessore all'autonomia e cultura, Stefano Bruno Galli - ha cercato di mostrare la propria vicinanza a tutto il mondo dello spettacolo. "Si tratta - ha spiegato l'esponente della giunta lombarda - di somme importanti per attività che senza il sostegno concreto di Regione Lombardia avrebbero avuto grosse difficoltà a gestire la programmazione annuale. Uno sforzo ulteriore della Giunta Fontana e della Direzione Autonomia e Cultura, ben consapevoli della grave situazione attuale. Da più parti - ha concluso - si leva alto il grido delle imprese del settore. E Regione Lombardia, ancora una volta, dimostra concretamente la volontà di essere vicina alle aziende culturali".

Il covid ha spento la musica, quanti locali chiusi

La divisione dei fondi è già stata stabilita proprio dalla regione: "271.944 euro andranno al progetto Opera Lombardia, stagione 2020/2021; 228.000 ai Teatri di Tradizione; 180.000 agli enti capofila dei circuiti Lombardia, Spettacolo dal Vivo selezionati per il triennio 2018/2020; 527.500 euro saranno impegnati per la produzione teatrale triennio 2018/2020; 81.000 euro per i festival di musica e danza di rilevanza regionale selezionati per il triennio 2018/2020; 18.000 euro per il sostegno alle attività del Centro Nazionale di Produzione della Danza Dancehaus; 110.000 euro per la Fondazione Cineteca Italiana e 122.000 euro per le residenze artistiche", hanno fatto sapere dal Pirellone in una nota.

Lo scorso 10 ottobre proprio il mondo dello spettacolo si era ritrovato in piazza del Duomo a Milano per un flash mob di protesta di grande impatto visivo ed emotivo. Oltre mille manifestanti avevano sistemato in piazza i propri bauli - da sempre simbolo del loro mestiere - e avevano chiesto soltanto una cosa: poter lavorare.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento