menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Roberto Formigoni tornerà a prendere il vitalizio

La decisione della commissione contenziosa del Senato: il Celeste ha diritto alla pensione

Roberto Formigoni esulta. L'ex parlamentare ed ex presidente di regione Lombardia - era stato governatore per tre volte di fila - ha infatti vinto la sua personale battaglia contro il Parlamento. Martedì, la commissione contenziosa del Senato ha annullato la delibera che prevedeva la sospensione del vitalizio per il Celeste dopo i suoi guai con la giustizia. 

In buona sostanza, è stato stabilito che Formigoni, oggi 74 anni, ha diritto alla pensione e per questo tornerà a ricevere il vitalizio che era stato sospeso a luglio 2019. L'ex governatore della Lombardia aveva infatti presentato un ricorso contro l'annullamento del vitalizio maturato come senatore e la commissione contenziosa gli ha dato ragione. 

La scelta di togliergli il vitalizio era arrivata dopo la condanna in Cassazione per Formigoni, punito con 5 anni e 10 mesi di carcere per corruzione nell'ambito della vicenda sulle tangenti intorno alla clinica Maugeri. All'ex presidente lombardo, che era stato in cella a Bollate prima di essere messo ai domiciliari, erano stati sequestrati anche tutti i beni su decisione della Corte dei conti, tanto che più volte lui stesso aveva detto di essere ormai indigente. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento