rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Attualità

Morto Franco Loi, il poeta che scriveva in milanese

Il poeta si è spento a 89 anni. Il sindaco Sala: "Ricorderemo la sua lirica colma di realismo"

Cultura milanese in lutto. Lunedì, all'età di 89 anni, è morto Franco Loi, uno dei poeti più noti del Dopoguerra e per distacco il più famoso tra gli esponenti della poesia dialettale milanese. 

Natoa Genova nel 1930, Loi si era trasferito sotto la Madonnina a 7 anni per seguire il padre ferroviere. Dopo un lavoro come contabile allo scalo merci di Lambrate e un paio di impieghi a La Rinascente a all'ufficio stampa della casa editrice Arnoldo Mondadori Editore, nel 1973 aveva pubblicato il suo primo libro, "I cart". Erano poi seguiti "Poesie d'amore" e "Stròlegh", il suo capolavoro. Nel 1978 aveva scritto la raccolta "Teater" e 4 anni dopo l'opera "L'Angel", pubblicato a Genova dalle Edizioni San Marco dei Giustiniani. Molte altre sono le sue opere, tutte scritte in dialetto milanese, tra le quali "Lünn", "Liber", "Umber", " El vent", "Isman", "Aquabella", "Pomo del pomo".

Insignito dell'Ambrogino d'oro dal comune, in più occasioni aveva raccontato la Milano del suo tempo, comprese le sofferenze del fascismo. Nel 1944, a soli 14 anni, si era infatti ritrovato ad assistere all'eccidio di piazzale Loreto, vedendo i partigiani uccisi in piazza e poi abbandonati lì, in strada. Di quell'esperienza ne aveva parlato nei suoi componimenti e in alcune occasioni pubbliche a cui era stato invitato dall'Anpi, che lo ha ricordato. 

"Apprendiamo con tristezza la notizia della scomparsa di Franco Loi, poeta e apprezzato critico letterario - è stato invece il ricordo del primo cittadino meneghino, Beppe Sala -. Di lui Milano ricorderà la sua straordinaria lirica colma di realismo, capace di mescolare diversi elementi ed influenze".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto Franco Loi, il poeta che scriveva in milanese

MilanoToday è in caricamento