Attualità

L'editore Livio Garzanti lascia 90 milioni di euro in eredità per gli anziani di Milano

La Fondazione Garzanti devolverà i soldi ad associazioni che si occupano di anziani

Un fondo di 90 milioni da destinare ad associazioni che si occupano di assistenza agli anziani: è quanto ha lasciato Livio Garzanti, scrittore ed editore scomparso nel 2015 a Milano, nelle sue volontà testamentarie.

Garzanti ha lasciato disposizioni precise al professor Mario Cera, che si sta occupando della sua eredità che comprendeva la sede della storica casa editrice in via della Spiga a Milano, stando al Corriere della Sera.

Completata la vendita dell'edificio, si può dare ora attuazione alle volontà dell'editore con 90 milioni conservati in un fondo chiamato 'Societas Societatum' di cui Cera è presidente. La Fondazione Garzanti devolverà ora questi soldi ad associazioni che si occupano di fornire assistenza agli anziani milanesi.

Chi era Livio Garzanti

Garzanti è morto a 93 anni, era figlio di Aldo, fondatore della casa editrice che porta il nome di famiglia, sorta dopo aver rilevato le Edizioni Treves nel 1936.

E' stato direttore della rivista culturale 'L'Illustrazione Italiana', scrittore e dal '52 ha preso la guida della casa editrice. La prima pubblicazione di Pier Paolo Pasolini 'Ragazzi di vita' è stata lanciata dalla sua casa editrice. 

Garzanti ha avuto tre mogli: Orietta Sala, Gina Lagorio e l'attuale Louise Michail. Lascia un figlio, Eduardo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'editore Livio Garzanti lascia 90 milioni di euro in eredità per gli anziani di Milano

MilanoToday è in caricamento