Giardino Garofalo in Baiamonti, è guerra aperta. Il comitato: «Lo rioccuperemo»

L'area verde è stata transennata da Palazzo Marino. Vi sorgerà la seconda Piramide, che ospiterà il Museo della Resistenza

Sarà "rioccupato" il giardino dedicato a Lea Garofalo, a Porta Volta, dopo la messa in sicurezza dell'area da parte dell'ammnistrazione comunale in vista degli interventi propedeutici per edificare la seconda Piramide porgettata da Herzog e De Meuron che, come stabilito nel Piano di governo del territorio, ospiterà il Museo della Resistenza.

L'azione di protesta viene annunciata dal comitato Baiamonti Verde Comune, che da tempo si oppone all'edificazione e allo sviluppo dell'area di piazzale Baiamonti, comprendente il giardino dedicato alla Garofalo, vittima di mafia, e l'ex benzinaio storico, ormai demolito. 

Il comitato accusa l'assessore all'urbanistica Pierfrancesco Maran e il sindaco di Milano Beppe Sala di avere usato «la logica del bulldozer» distruggendo tra l'altro «la scena e l'anfiteatro costruiti dagli artisti di strada», ma anche «tante piante e aiuole che stavamo curando da un anno», per poi recintare e lucchettare tutta l'area. 

«Questo - si legge in una nota del comitato - è un bene comune, e nel rispetto della collettività, noi lo riapriremo e continueremo con le attività previste, a partire dalla festa delle Brigate Volontarie per l'emergenza del 9 luglio, che hanno svolto quel lavoro mutualistico che voi non siete riusciti a compiere, dando aiuto nel momento del lockdown a tutte le persone e le famiglie che non avevano mezzi per sostenersi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Verdi di Milano: «Stupiti e delusi»

«Siamo stupiti e delusi», commentano i Verdi di Milano, con la coportavoce nazionale Elena Grandi e i portavoce milanesi Mariolina De Luca e Andrea Bonessa: «Qual è l’idea di cambiamento, di tutela ambientale, di attenzione ai beni comuni della nostra città? Il sindaco Sala non ha forse assunto la dichiarazione di emergenza climatica e ambientale? Non ha forse assunto le deleghe all’ambiente? Non è a capo delle città C40? Non dichiara ad ogni intervista che l’ambiente è per lui un punto focale per la Milano del futuro? Vediamo della contraddizione tra dichiarazioni e atti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte di lavoro, Esselunga cerca dipendenti e assume: ecco come candidarsi

  • Milano, paga 15 euro ed esce dall'Esselunga con 583 euro di spesa: "Sono sudcoreana"

  • Bollettino coronavirus Milano: trovate altre 16 persone infette, risalgono i ricoveri

  • Hostess con febbre sul Ryanair Milano-Catania: paura per il covid

  • Sangue sul Sempione, schianto auto moto: morto ragazzo di 20 anni, gravissima l'amica

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: +118 contagi, +5 morti, aumentano ancora ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento