Nuova edizione della guida per ristoranti prestigiosi 'Le Soste': la new entry milanese è Cracco

La nuova cucina aperta in città dallo chef è inclusa nell'autorevole volume

Uno dei piatti preparati dagli chef di Le Soste (dalla pagina Facebook dell'associazione)

La nuova edizione della prestigiosa guida ai migliori ristoranti del mondo 'Le Soste' è stata presentata il 20 marzo a Palazzo Bovara alla presenza dello chef Claudio Sadler. Tra le cinque new entry del volume anche il milanese Ristorante Cracco. Il volume, edito da Mediavalue, costituisce l'icona materiale dell'associazione omonima, che da 37 anni lavora per preservare l'enogastronomia italiana di eccellenza.

Obiettivo di Le Soste, il cui logo è ispirato all'insegna delle antiche stazioni di posta, è premiare i ristoranti che quotidianamente perseguono ideali di cultura gastronomica, convivialità, accoglienza, cortesia e raffinatezza. Ad essere incluse nel volume sono soltanto cucine che hanno almeno una stella Michelin e un ottimo rating nelle altre guide. L'associazione è nata nel 1982 seguendo il modello delle grandi analoghe francesi come Traditions et Qualité e Relais Gourmands. La prima edizione della guida, invece, risale al 1998. Tra i suoi ideatori anche il maestro Gualtiero Marchesi. 

Le novità del 2019

Tra i 91 soci di Le Soste di quest'anno ci sono cinque nuovi nomi. A Milano figura Carlo Cracco, con il suo ristorante di corso Vittorio Emanuele. Gli altri ristoratori inclusi in questa nuova edizione sono Alberto Faccani, per il suo Magnolia di Cesenatico; Francesco Sposito, per la Taverna Estia, nel Napoletano; Luca Fantin, per Il Ristorante di Tokyo; e Paulo Airaudo per Amelia di San Sebastiàn. 

I ristoranti milanesi nella guida

Oltre al già citato Cracco, tra i ristoranti cittadini compresi nel volume anche Alice, cucina dal sapore mediterraneo di piazza Venticinque Aprile; Enrico Bartolini, al Mudec con pietanze che celebrano lo stile di vita italiano; Joia, con una proposta di alta cucina vegetariana in via Panfilo Castaldi; Il Luogo di Aimo e Nadia, istituzione di via Montecuccoli; Sadler, centro creativo di via Ascanio Sforza; Seta by Antonio Guida, raffinata cucina del Mandarin Oriental Hotel; Vun Andrea Aprea, con specialità innovative in via Silvio Pellico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Non è affatto detto che Milano torni a essere quella di prima

  • Milano: folle fuga dei rapinatori contromano, i poliziotti li prendono a schiaffi e calci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento