Attualità Duomo / Piazza della Scala

Milano mette (quasi) al bando il collare a strozzo per i cani: "È una questione di civiltà"

Lo ha deciso il consiglio comunale di Milano nella seduta di lunedì 27 gennaio

Milano ha (quasi) messo al bando il collare a strozzo. Quasi perché sul tema sono previste alcune deroghe. Lo ha deciso il consiglio comunale della metropoli lombarda che sta scrivendo il nuovo regolamento per il benessere e la tutela degli animali e che nei giorni scorsi aveva introdotto il patentino per i padroni di cani di "razza pericolosa".

Nelle scorse settimane c'era stata una forte polemica sul tema del collare a strozzo: la maggioranza era favorevole a imporre il divieto mentre la minoranza era contraria. Nella seduta di lunedì 27 gennaio è passato un emendamento presentato dal consigliere comunale di Forza Italia Gianluca Comazzi che ha introdotto alcune deroghe. Il testo, pasato con 35 voti favorevoli e 3 contrari, prevede che il collare a strozzo sarà vietato "fatta salva la necessità di utilizzo nei casi di adempimento di un dovere, per esempio forze dell’ordine o di soccorso, o per ragioni di sicurezza o tutela dell’incolumità pubblica o in caso di necessità".

"Il principio generale è che il collare a strozzo è vietato, salvo che nei casi espressamente previsti, che devono essere verificati dall’agente di polizia locale o dalla magistratura. Nel caso, sarà poi il cittadino a impugnare l’eventuale sanzione", ha spiegato l’assessore con deleghe alla tutela e alla difesa degli animali, Roberta Guaineri. "Già 120 Comuni hanno introdotto il divieto del collare a strozzo: è un tema di civiltà, perché molto spesso questo strumento viene utilizzato da chi non vuole occuparsi dell’educazione del suo animale. Noi, invece, introducendo il divieto, pensiamo di sensibilizzare i cittadini a occuparsene".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano mette (quasi) al bando il collare a strozzo per i cani: "È una questione di civiltà"

MilanoToday è in caricamento