rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Attualità

Ha un aneurisma di 5cm: salvata dai medici dell'ospedale di Garbagnate

La giovane è stata salvata dai medici dell'ospedale attraverso un complicato intervento chirurgico

Ha rischiato di morire a causa di un raro e voluminoso aneurisma all'arteria ascellare ma è stata salvata dall'equipe di chirurgia vascolare dell'ospedale di Garbagnate Milanese (Asst Rhodense). È successo nei giorni scorsi; protagonista del fatto, suo malgrado, una ragazza di 24 anni originaria di Viterbo.

Non è stato un intervento facile e l'operazione è stata eseguita in tre fasi: una prettamente chirurgica che ha reso necessario l’isolamento del voluminoso aneurisma dell’arteria ascellare (oltre 5 centimetri di diametro) situato in un’area anatomica sede di strutture nobili (arterie, vene, nervi indispensabili ai movimenti del braccio e della mano); una fase radiologica che ha consentito di trattare molte delle numerose fistole-arterovenose ("collegamenti"  patologici diretti tra le arterie e le vene) mediante microcannulazione delle stesse e, dopo arresto temporaneo del deflusso venoso, iniezione di farmaci embolizzanti ad alta tecnologia. 

Nella fase successiva i medici hanno rimosso l'aneurisma e ricostruito l’arteria attraverso una vena prelevata dalla stessa paziente e preparata per garantire un normale flusso sanguigno a tutto l’arto. 

Il delicato intervento è stato eseguito da un’equipe multidisciplinare, guidata dal direttore della Chirurgia Vascolare  Antonino Silvestro e composta dai dottori: Massimo Vaghi, specialista esperto nel trattamento delle malformazioni vascolari, Andrea Canì, direttore della radiologia interventistica, Luigi Bassani, anestesista, Matteo Ravini, chirurgo vascolare, oltre allo staff infermieristico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ha un aneurisma di 5cm: salvata dai medici dell'ospedale di Garbagnate

MilanoToday è in caricamento