Attualità

"Chi si muove è gay": la gag di cattivo gusto tra Ibrahimovic e IShowSpeed

Il siparietto tra lo YouTuber americano e l'ex attaccante svedese. Il giornalista Capuano: "Cosa ne pensa il Milan di questo giochetto vagamente omofobo?"

Siparietto di dubbio gusto tra Zlatan Ibrahimovic, leggenda del calcio e oggi senior advisor del Milan, e il famoso YouTuber americano IShowSpeed. I due si sono incontrati a Milano e sono stati protagonisti di varie gag, tra cui una - pubblicata sui social dallo stesso Ibra - che vede l'ex calciatore presentare per scherzo lo streamer come il nuovo attaccante rossonero. Fin qui nulla di male. L'inciampo arriva quando i due sono in auto insieme e lo YouTuber propone a Zlatan una sorta di gioco: "Chi si muove è gay". Si tratta in realtà di una nota gag del creator Alfonso Pinpon diventata virale su TikTok. Lo svedese non si fa pregare e i due restano immobili per qualche minuto. Come a dire: nessuno osi pensare che siamo omosessuali. 

Un siparietto che forse Ibra avrebbe potuto evitare come fa notare sul suo canale X il giornalista Giovanni Capuano. "Fuori da ogni pregiudizio - scrive Capuano -, cosa ne pensa il Milan di un rappresentante della proprietà (dirigente in pectore) che si presta - maglia del club in bella vista - per un giochetto/battuta di stampo vagamente omofobo?". I commentatori si dividono, ma in calce al post in tanti si schierano dalla parte dell'ex attaccante: "È un trend  social, non serviva questo tweet boomer" scrive uno. "Nulla di omofobo - obietta un altro -, uscite dalle vostre case anni ottanta e vedete il mondo fuori, è una roba social e giovanile". E ancora: "Che pesantezza". Ma c'è anche chi ritiene che l'uscita di Zlatan sia da censurare: "Sarà anche un gioco, un gioco stupido, ma per il ruolo che ricopre dovrebbe evitare simili situazioni". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Chi si muove è gay": la gag di cattivo gusto tra Ibrahimovic e IShowSpeed
MilanoToday è in caricamento