Ilaria Salis

Ilaria Salis è tornata a casa

Lo scatto, condiviso sui social, è subito diventato virale

Prima di rientrare a casa dove ad attenderla c’erano decine di giornalisti, ma anche tanti cittadini e curiosi, si è fermata. È scesa dall’auto guidata dal padre Roberto - che in 24 ore ha fatto Monza-Budapest andata ritorno per riportare a casa la figlia – e si è fermata davanti a un cartello con la scritta Monza, in uno degli ingressi della città. Questo il primo scatto di Ilaria Salis, che domani compirà 40 anni, appena arrivata nel capoluogo brianzolo. L’arrivo ieri, sabato 15 giugno, intorno alla 19. La corsa veloce in casa senza fermarsi a parlare coi giornalisti e poco dopo l’incontro del padre Roberto Salis con la stampa per annunciare che la figlia non avrebbe rilasciato dichiarazioni perché stremata dal viaggio, ma annunciando quello scatto che aveva fatto poco prima. Un ritorno nella casa dei genitori dopo 16 mesi di detenzione (15 mesi in carcere e poche settimane ai domiciliari) in Ungheria con l’accusa (sempre rigettata) di aver partecipato all’aggressione nei confronti di due ragazzi neonazisti durante la Giornata dell’Onore che si celebra a febbraio nella capitale ungherese.

Ilaria Salis a Monza (Foto Fb Ilaria Salis)

Uno scatto che dopo qualche ora ha inondato i social, prima sulla pagina Facebook che Ilaria Salis aveva aperto qualche giorno prima delle elezioni europee che, grazie alla candidatura con Alleanza Verdi e Sinistra, ha visto l’insegnante monzese conquistare con oltre 176mila voti lo scranno al Parlamento europeo e quindi la richiesta avanzata dal suo avvocato ungherese (e accolta) di scarcerazione.

Sorridente, capelli lunghi sciolti sulle spalle, i pantaloni della tuta, una maglietta aderente e un paio di scarpe da ginnastica: questo il primo scatto di Ilaria Salis a Monza, nella città dove è cresciuta e dove ha studiato al liceo classico Zucchi e dove, ancora oggi, vivono i suoi genitori. Una foto che ha fatto ben presto il giro della rete: oltre 500 condivisioni, centinaia di commenti e migliaia di like apparsi sul suo profilo social. Tantissime le condivisioni e le dimostrazioni di affetto e di gioia per il suo ritorno a casa, accanto alle quali non sono mancate dimostrazione di dissenso.

Ieri sera, probabilmente, ci sono stati quei festeggiamenti che Roberto Salis aveva più volte annunciato a MonzaToday. Festeggiamenti solo nel momento in cui sua figlia avrebbe rimesso piedi sul territorio italiano. "Siamo felicissimi - aveva dichiarato  il papà dell’attivista antifascista venerdì sera mentre era già in viaggio verso la capitale ungherese -. Ci aspettavamo la sua scarcerazione, ma non in tempi così rapidi. Quando i poliziotti sono arrivati lei non sapeva quello che stava per succedere. La liberazione è avvenuta rapidamente e l'avvocato non ha avuto neppure il tempo di avvisare nostra figlia. Andiamo subito a prenderla". Lunedì 17 giugno Ilaria Salis compirà 40 anni. Un compleanno da donna libera. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ilaria Salis è tornata a casa
MilanoToday è in caricamento