rotate-mobile
Inquinamento

A Milano c'è quasi aria di montagna: la neve "mangia" lo smog

La media di Pm10 calcolata all'ombra della Madonnina nella giornata di lunedì è stata di 20 µg/m

C'è quasi aria di montagna a Milano e il merito è tutto della neve. Nella giornata di lunedì 28 dicembre le centraline dell'Arpa hanno registrato concentrazioni di polveri sottili ben al di sotto dei limiti (fissati a 50 microgrammi per metro cubo), la media di Pm10 calcolata all'ombra della Madonnina è stata di 20 µg/m³; tutto merito della dama bianca che ha "schiacciato al suolo" lo smog. 

La presenza di polveri sottili, comunque, non è uniforme e varia in base alle zone della città: 21 in viale Marche, 19 in Città Studi, 25 µg/m³ in via Senato, 15 al Verziere. Questa, invece, la situazione fotografata all'esterno della città: a Limito di Pioltello sono stati registrati 18 µg/m³, 17 a Cassano d'Adda, mentre a Turbigo le centraline hanno rilevato 22 microgrammi per metro cubo, 23 a Magenta.

Per il momento non è attiva nessuna 'misura antismog' prevista dal Protocollo aria di Regione Lombardia: il primo stop scatta dopo cinque giorni con concentrazioni di polveri sottile oltre la soglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Milano c'è quasi aria di montagna: la neve "mangia" lo smog

MilanoToday è in caricamento