menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Milano e il pessimo primato: da dieci anni sempre tra le più inquinate d'Italia: la classifica

Nel 2019 a Milano si sono registrati 109 giorni con l'aria fuorilegge: tutti i dati

A Milano si respira male. L'aria inquinata non è una novità ma è una triste realtà e nelle prime tre settimane del 2020 le centraline dell'Arpa installate in città hanno già suonato i loro campanelli di allarme: per 19 giorni all'ombra della Madonnina è stato superato il limite di polveri sottili per metro cubo d'aria (50 µg/m³).

Ma l'emergenza smog non riguarda solo Milano ma tutta la pianura padana e l'Italia: "il 2019 è stato un anno nero" sul fronte inquinamento, si legge nel dossier Mal'Aria pubblicato da Legambiente, documento che contiene una analisi dell'emergenza smog in tutta Italia. Milano è maglia nera: nel 2019 sono stati 109 i giorni con l'aria fuorilegge (giorni in cui sono stati superati i limiti per il Pm10 o per l'ozono). Il capoluogo lombardo, tuttavia, è in buona compagnia: insieme a lei — all'11esimo posto della triste classifica — ci sono Monza e Venezia, mentre nella top3 ci sono Torino, Lodi e Pavia, che hanno dovuto fare i conti con l'aria da bollino nero per 147, 135 e 130 giorni.

L'inquinamento nel decennio

Nei 10 anni di campagna di Legambiente PM10 ti tengo d’occhio (2010-2019) su 67 città che almeno una volta sono entrate nella speciale classifica, il 28% di queste (19 città) hanno superato i limiti giornalieri di PM10 tutti gli anni, 10 volte su 10. Sei città (il 9%) ha superato i limiti 9 volte su 10 mentre 8 città (il 12%) lo hanno superato 8 volte su 10. A dimostrazione di come nonostante il trend in calo degli ultimi anni, ci sono città che rimangono malate croniche di inquinamento atmosferico e che, dati alla mano, non sembrano poterne uscire fuori. Torino in questi 10 anni è stata prima 7 volte su 10 nella "speciale" classifica, collezionando in totale 1.086 giorni di inquinamento in città mentre Frosinone, che nei dieci anni appena trascorsi è stata sul podio ben 7 volte, è la sola altra città ad aver sfondato il muro dei 1.000 giorni di inquinamento. Alessandria con i suoi 896 giorni di sforamenti nel decennio si colloca al terzo posto seguita da Milano (890), Vicenza (846 giorni) e Asti (836) che superano abbondantemente gli ottocento giorni oltre i limiti.

Altre otto città (Cremona, Padova, Pavia, Brescia, Monza, Venezia, Treviso e Lodi) hanno collezionato più di due anni di "giornate fuorilegge"(oltre i 730 giorni totali). Unica nota positiva il fatto che negli ultimi 10 anni (dal 2010 al 2019) si nota come nel corso degli anni ci sia stato un netto miglioramento del numero delle città oltre i limiti del PM10. Si è infatti passati dalle 62 città fuorilegge del 2010 alle 26 del 2019 con un trend più o meno costantemente in calo negli anni, ad eccezione di qualche annata particolarmente critica.

Inquinamento: "La più grande minaccia ambientale"

Legambiente ricorda che l’inquinamento atmosferico è al momento la più grande minaccia ambientale per la salute umana ed è percepita come la seconda più grande minaccia ambientale dopo il cambiamento climatico. "Ogni anno sono oltre 60mila le morti premature in Italia dovute all’inquinamento atmosferico che determinano un danno economico, stimato sulla base dei costi sanitari comprendenti le malattie, le cure, le visite, i giorni di lavoro persi, che solo in Italia oscilla tra 47 e 142 miliardi di euro all’anno (330 – 940 miliardi a livello europeo)", si legge in un comunicato dell'associazione ambientalista.

Legambiente: "Il blocco del traffico così come è strutturato non è efficace"

"Ad oggi l’Accordo bacino padano, con i suoi difetti e limiti, e gli Accordi per il Miglioramento dell’Aria sottoscritti da diverse regioni, rappresentano un primo passo verso una uniformità di azioni e misure su tutto il territorio nazionale, ma bisogna fare molto di più migliorando al tempo stesso gli accordi che ad esempio non prevedono misure rispetto a settori inquinanti come il comportato industriale e quello energetico, le aree portuali e l’agricoltura – ha spiegato Andrea Minutolo, coordinatore dell’ufficio scientifico di Legambiente –. Aree spesso attigue e integrate ai centri urbani e che richiedono misure specifiche per ridurne le emissioni. Per quanto riguarda, invece, il tanto discusso blocco del traffico, tale misura per essere veramente efficace e incidere sulla riduzione delle emissioni in città, dovrebbe essere strutturata ed ampliata progressivamente nei prossimi anni affinché diventi permanente".

Città più inquinate d'Italia: ecco la classifica

Città Giorni con l’aria fuorilegge
Torino 147
Lodi 135
Pavia 130
Piacenza 128
Alessandria 121
Vicenza 116
Rovigo 115
Mantova 114
Cremona 112
Milano 109
Monza 109
Venezia 109
Modena 108
Reggio Emilia 108
Padova 105
Asti 104
Ferrara 103
Treviso 102
Brescia 94
Parma 87
Ravenna 79
Rimini 78
Lecco 73
Bergamo 72
Frosinone * 68
Varese 65
Forlì 63
Como 61
Bologna 59
Biella 55
Caserta 52
Enna 50
Potenza 50
Terni 47
Avellino 46

Fonte: elaborazione Legambiente su dati Arpa o Regioni
NB: in grassetto i giorni totali di superamento delle città in cui si è registrato nel 2019 sia il superamento dei limiti del Pm10 che dell’ozono. In nero le città che hanno superato solamente il limite previsto per l’Ozono (25 giorni all’anno); * la città di Frosinone ha superato il limite previsto solo per le polveri sottili (35 giorni all’anno).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Coronavirus

Che fine farà lo smart working a Milano dopo la pandemia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento