Bufera su scuole dell'infanzia e nidi di Milano: 3mila bimbi rischiano di rimanere a casa

L'emergenza coronavirus ha tagliato i posti disponibili e ora i bimbi già in graduatoria potrebbero essere esclusi. Sulle pagine social del comune è nata una protesta

Immagine repertorio

È bufera a Milano su asili nido e scuole dell'infanzia. Il motivo è uno solo: i posti sono diminuiti del 10% a causa del distanziamento sociale imposto dall'emergenza coronavirus ma i bambini non sono calati. E quindi c'è il rischio (concreto) che 3mila bambini — già in graduatoria da febbraio — rimangano senza scuola. Una situazione che obbligherebbe i genitori a soluzioni alternative: baby sitter o abbandonare il lavoro per badare a loro. 

Nei giorni scorsi il comune ha inviato una mail alle famiglie assegnatarie che potranno accettare o rifiutare. In seguito alla registrazione delle rinunce (a partire dal 10 agosto) o a nuovi aggiornamenti normativi alcuni posti potrebbero tornare disponibili. Ma il tempo stringe.

Intanto sulla pagina Facebook del comune di Milano è iniziata una protesta con una pioggia di commenti scritti dai genitori. "Tagliati fuori 3mila bambini all'alba del 20 luglio. Grande presa in giro", scrive una madre. "Non accetteremo che oltre ai 4mila bambini già fuori dalle graduatorie a febbraio, se ne aggiungano altri 3mila", commenta un altro genitore. "I miei figli sono tra quei tremila bambini che non saranno accolti nei servizi pubblici? Lo scoprirò oggi? O peggio, il 10 agosto?", si domanda un'altra mamma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sui social sono intervenuti anche alcuni consiglieri comunali, tra questi Anita Pirovano (capogruppo di Milano progressista) che in una nota ha scritto: "Non nascondo una forte preoccupazione e un po' di imbarazzo per questa situazione che è allarmante e che coinvolge a pieno titolo anche il livello istituzionale cittadino. Il Comune può e deve fare tutto il possibile per evitare siffatta sottovalutazione dei bambini e dell'educazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Non è affatto detto che Milano torni a essere quella di prima

  • Rapinatore bloccato con un pugno in faccia da un passeggero: fermato e liberato 24 ore dopo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento