rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Lo sfogo / Porta Venezia

Jonathan Bazzi aggredito con il compagno: "La qualità della vita a Milano si è schiantata al suolo"

Lo scrittore 39enne è stato colto da insulti omofobi mentre passeggiava in zona Porta Venezia

Jonathan Bazzi è stato aggredito a Milano insieme al suo compagno. A raccontarlo lo stesso scrittore milanese sui suoi profili social, dove si legge un lungo messaggio di denuncia. Un "incontro indesiderato" quello che avuto dal 39enne in zona Porta Venezia. Al Corriere della Sera lo scrittore ha raccontato che martedì un uomo avrebbe iniziato a insultare, con termini omofobi, lui e il compagno divenendo anche aggressivo nei modi di fare.

“A Milano la qualità della vita si è schiantata al suolo negli ultimi anni. Specie per chi non ha tanti soldi. È impossibile trovare una casa (o una stanza) a prezzi sostenibili. Donne e membri della comunità LGBTQ+ hanno paura a girare per strada, l’ultimo incontro indesiderato mi è capitato proprio ieri sera, e i mezzi pubblici hanno tempi di attesa indegni (nonostante il biglietto costi sempre di più). In questo scenario in cui è davvero difficile immaginare un futuro, figurarsi metter su famiglia, la priorità del sindaco oggi è quella di vantarsi dei nuovi trappoloni meccanici introdotti come tornelli in metropolitana”, scrive Bazzi riferendosi ai tornelli in alcune stazioni inaugurati proprio ieri.

“Qualcuno dice che non dovremmo alimentare il lamento collettivo contro Milano per non finire in mano alla destra, ma cos’ha ormai di inclusiva e anticlassista questa città ripiegata senza coraggio né visione sul culto claustrofobico di sé stessa”, conclude Bazzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jonathan Bazzi aggredito con il compagno: "La qualità della vita a Milano si è schiantata al suolo"

MilanoToday è in caricamento