Nuovi boschetti, prati e specchi d'acqua: al via la riqualificazione del Parco Nord di Milano

Sono partiti i lavori di pulizia e piantumazione in alcune aree del parco

Parco Nord (immagine repertorio)

Sono partiti gli interventi di riqualificazione nelle nuove aree del Parco Nord, circa 11 ettari di aree boschive, filari, prati e percorsi. 

La riqualificazione al Parco Nord

Le aree interessate dai lavori sono quelle di compensazione dell’opera idraulica per il torrente Seveso. In particolare, nella zona di circa 4,8 ettari dell'ex 'Fondazione Alfonso Pini', il Parco ha iniziato opere di pulizia, sistemazione e preparazione del terreno per la piantagione di nuovi alberi e arbusti.

In queste settimane - fanno sapere dal Parco - sono stati puliti sia il laghetto che il canale a nord dell’area, sono state effettuate le potature dei filari già presenti e sono state seminate le piantine per creare un nuovo prato fiorito a sud dell’area che per 200 metri di lunghezza proseguirà 'l’apistrada dei fiori', già presente nel Parco, verso il velodromo.

Il progetto di riqualificazione dell’area prevede anche la creazione di un prato di circa 3 ettari aperto alla fruizione attraverso percorsi pedonali, ciclabili e specchi d’acqua per accogliere il rospo smeraldino - specie protetta ampiamente diffusa nel Parco - e ospiterà una 'chiocciola decorativa' costituita da una cinquantina di alberi ad alto fusto tra tigli e bagolari.

Oltre un ettaro di superficie inoltre sarà forestata, il Parco ha già iniziato la piantagione di circa tremila piante forestali autoctone quali querce farnia, carpini bianchi, aceri, frassini, ciliegi, ontani, pioppo, meli, peri e tra le piante arbustive il nocciolo, la rosa, il biancospino, il sanguinello, il prugnolo e il corniolo.

Natura e biodiversità 

“Grazie alla collaborazione con i Comuni di Milano e Bresso e con Regione Lombardia, il patrimonio verde del Parco si amplia attraverso gli interventi di riqualificazione e riforestazione di una delle aree di compensazione della vasca per il Seveso - afferma il Presidente del Parco, Marzio Marzorati -. Il Parco Nord Milano ha ottenuto rilevanti compensazioni che andranno a migliorare la qualità ambientale del territorio e, grazie alla vocazione del Parco, contribuiranno alla valorizzazione della natura in città e della fruizione culturale e sociale".

"Per l’occasione - afferma Marzorati - abbiamo anche ripreso la costruzione della 'apistrada dei fiori' che diventa una connessione importantissima a sostegno della biodiversità dell’indissolubile legame tra api e fiori. Siamo rammaricati di non poter organizzare le piantagioni con la dovuta e tradizionale partecipazione popolare e delle scuole; per garantire il rispetto delle normative di sicurezza previste, gli interventi di piantagione di questo autunno non vedranno la partecipazione dei cittadini”. I lavori di riqualificazione e la trasformazione del paesaggio dell’area interessata potranno comunque essere apprezzati da tutti in occasione di passeggiate al Parco nelle prossime settimane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona gialla': cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, Metropolitana M4: ecco le prime immagini della fermata dell'aeroporto Linate

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Pasta al glifosato: ecco i marchi che la contengono (e quelli da non dare ai bimbi)

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

Torna su
MilanoToday è in caricamento