menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Milano, basta crolli e allagamenti nelle aule: 14 milioni per i lavori sui tetti di 50 scuole

Approvati due progetti dal comune di Milano: stanziati 14 milioni di euro. Tutti i dettagli

L'obiettivo è nel nome dato al progetto, quanto mai chiaro: "A Milano ripartiamo dai tetti". L'assessorato all'edilizia scolastica di palazzo Marino si sta preparando, infatti, a sfruttare i mesi estivi per intervenire - come mai fatto prima - sulle strutture scolastiche cittadine per garantire ad alunni e insegnanti degli edifici sicuri e funzionali. 

Palazzo Marino ha appena dato il via libera al progetto, che unisce "due delibere di fattibilità tecnica del valore complessivo di 14 milioni di euro. Una cifra - spiega il comune in una nota - che consentirà di intervenire su più di 50 tetti".  

I difetti sono quelli ormai noti, che si ripropongono puntualmente ogni anno, soprattutto nei mesi invernali. "Dai problemi di impermeabilizzazione dei tetti e dall’intasamento dei pluviali derivano conseguentemente piccoli allagamenti, macchie di umidità, distacco di intonaco e muffa nelle aule - ammettono dall'amministrazione -. Non sempre è possibile agire tempestivamente per risolvere questi problemi, perché necessitano di tempi lunghi di lavoro, di programmazione e risorse dedicate. Per ridurre al minimo i disagi finora si è proceduto con interventi tampone sui danni delle infiltrazioni, che però spesso si sono ripresentati con le successive abbondanti piogge". 

Da adesso, però, l'approccio cambia. "Con l’approvazione di due delibere di fattibilità tecnica ed economica, una per lavori sui manti di copertura ed una per la manutenzione dei sistemi di scarico delle acque meteoriche, per un importo di 7 milioni di euro ciascuna, si dà il via libera ad un percorso che porterà all’avvio effettivo di questi importanti interventi - esultano dal comune -. Queste due delibere permettono da una parte lavori su gronde, pluviali, complivi e dall’altra la realizzazione di accessi idonei alle coperture per esecuzione di interventi di manutenzione sulle guaine, ripristinando nel suo complesso la perfetta funzionalità dei sistemi di scarico delle acque meteoriche dove è compromessa".

 “Abbiamo fatto una stima degli interventi necessari per il prossimo anno scolastico – le parole di Paolo Limonta, assessore all’edilizia scolastica – e abbiamo verificato che i problemi più frequentemente riscontrati sono i fenomeni di infiltrazione di acqua che causano tanti disagi ai bambini e alle bambine che frequentano le nostre scuole e ai loro genitori e insegnanti. Proprio l’ampiezza da una parte e la necessaria programmazione dei diversi interventi dall’altra – ha proseguito Limonta – ha reso difficile finora agire in maniera risolutiva. Per questo abbiamo pensato a due progetti che agissero in maniera coordinata per risolvere alla base questi problemi e a finanziamenti dedicati”.

 “Abbiamo ritenuto necessario intervenire in maniera efficace all’origine del problema. Questo piano strategico – ha concluso l’assessore – ci consente di fornire una risposta concreta alle richieste di genitori e insegnanti, di rendere maggiormente efficiente la programmazione delle manutenzioni ordinarie e di evitare richieste di intervento in emergenza. Nello stesso tempo consentirebbe di investire al meglio le risorse e di riaprire aule oggi inagibili, aiutando le scuole con un maggior distanziamento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento