L'idea lombarda: "Nei campi non gli immigrati, ma chi prende il reddito di cittadinanza"

L'attacco dell'assessore Rolfi: "Da Roma niente. Diamo lavoro a chi percepisce il reddito"

Foto repertorio Today.it

No ai migranti, sì a chi percepisce il reddito di cittadinanza o non ha un lavoro. L'assessore all'agricoltura di regione Lombardia, Fabio Rolfi, entra a gamba testa nella discussione sulla potenziale regolarizzazione degli immigrati - idea del governo - per permettere loro di lavorare nei campi di tutta Italia ed evitare così che i raccolti vadano persi a causa dell'emergenza Coronavirus. 

La possibile soluzione, evidentemente, non piace a Rolfi, che non fa nulla per nasconderlo. "Le aziende agricole non hanno bisogno di una maxi sanatoria di immigrati irregolari. Invito il ministro Bellanova a venire in Lombardia, prima regione agricola d'Italia, per capire se la priorità è la regolarizzazione di centinaia di migliaia di extracomunitari o avere un aiuto concreto da parte del governo", ha attaccato giovedì pomeriggio l'assessore in una nota diffusa dal Pirellone. 

E ancora: "In questi mesi non abbiamo visto stanziare da Roma risorse aggiuntive per l'agricoltura, forse ci si dovrebbe concentrare di più su quello che su battaglie ideologiche per dare visibilità ai singoli partiti", ha proseguito Rolfi. "Il lavoro nei campi - ha rimarcato - è cosa seria, non una boutade da campagna elettorale. Le aziende agricole non sono campi profughi. Servono paghe giuste e contratti regolari". E lo stesso Rolfi ha una sua idea su chi potrebbe essere impegnato nei campi e propone di dare "lavoro prima ai disoccupati e a chi percepisce il reddito di cittadinanza". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'agricoltura - ha concluso l'assessore - ha bisogno di semplificazione e su questo i voucher sono lo strumento più adeguato. Chi dice il contrario per motivi ideologici fa il male dell'agricoltura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Tragedia a Pero, bambino di 5 anni muore soffocato mentre mangia una brioche in casa

  • Maltempo a Milano, violenta grandinata nel pomeriggio di venerdì: diversi allagamenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento