Da detenuti a operai specializzati: la nuova vita dei ragazzi del Beccaria

Dal 1989 la cooperativa Cidiesse offre ai giovani 'problematici' percorsi di reinserimento sociale e lavorativo. Quest'anno l'attività festeggia il trentennale

Il laboratorio Cidiesse

In uno spazio industriale di mille metri quadri, al 338 di viale Monza, il lavoro diventa terapia per i ragazzi del carcere minorile Beccaria di Milano. Dal 1989 la cooperativa sociale Cidiesse accoglie adolescenti e giovani adulti per insegnargli a produrre quadri elettrici. Dopo un periodo di formazione gli ex detenuti diventano operai specializzati, acquisendo competenze direttamente spendibili nel mondo del lavoro. 

Cidiesse - che il 10 ottobre ha festeggiato 30 anni di attività - ha iniziato a proporre percorsi di inserimento lavorativo e sociale agli ex tossicodipendenti e oggi si occupa di ex detenuti e minori stranieri non accompagnati offrendo dieci postazioni per imparare un lavoro, ma non solo. Il metodo utilizzato infatti consente ai ragazzi anche di diventare "veri adulti e buoni cittadini", come ha sottolineato Massimo Garbagnoli, psicologo che segue il progetto, in occasione della giornata di festeggiamenti per il trentennale della coop. Al momento i giovani detenuti possono iniziare il percorso già all'interno del Beccaria, dove è stato allestito un laboratorio interno.

Le storie dei ragazzi

"Mi ricordo uno dei primi ragazzi assunti - ha raccontato il presidente della cooperativa, Antonio Baldissarri -, veniva da una famiglia di pregiudicati e quando è arrivato aveva due tatuaggi sulle braccia, uno con su scritto 'I love Calabria' e l'altro 'Onora il padre e la madre'. Amore per la patria e la famiglia sono certo valori positivi, ma assumevano tutt'altro significato, considerato il contesto da cui veniva il giovane. Lui aveva voglia soltanto di normalità e qui l'ha trovata. Seguendo un percorso lavorativo è riuscito a tenersi lontano dalla criminalità".

Un'altra storia, più recente, è quella di Aziz, un ragazzo che lo scorso luglio è riuscito a farsi assumere da una grossa ditta milanese dopo aver imparato a produrre quadri elettrici nella sede di Cidiesse. Aziz era arrivato in Italia a 16 anni come tanti altri stranieri: sbarcando a Lampedusa con un mezzo in pessime condizioni. A Milano, poi, ha dormito per settimane in stazione Centrale, prima che la questura lo affidasse a un centro per minori, che dopo un breve periodo lo ha presentato a Cidiesse. All'interno del laboratorio l'adolescente ha saputo dimostrare capacità e velocità di apprendimento. Due anni dopo ha trovato lavoro all'interno di una solida azienda di linee di servizi e domotica.

Il lavoro come terapia

"Qui i ragazzi cambiano davvero, perché hanno una seconda chance", ha affermato Baldissarri. L'obiettivo del progetto di Cidiesse - che assume regolarmente i giovani ex detenuti - è quello di fornire una concreta alternativa alla vita nella criminalità. E i risultati sembrano promettenti: "La percentuale di recidiva scende dal 70 al 30% - afferma il presidente -. Nel corso di 30 anni sono stati 200 gli inserimenti lavorativi seguiti".

Durante tutto il percorso i ragazzi vengono affiancati da un'équipe di psicologi ed educatori, che li motiva costantemente e mantiene i contatti con gli assistenti sociali. "Qui creiamo un ambiente stabile, sereno e onesto dove i ragazzi possono sviluppare la propria identità di lavoratori ma soprattutto di adulti veri", ha concluso Garbagnoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In questo luogo - ha voluto sottolineare Annibale D'Elia, dell'assessorato alle politiche del lavoro del Comune di Milano -  non solo si offre lavoro ma lavoro di ottima qualità. Tutte le aziende dovrebbero seguire questo modello". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte di lavoro, Esselunga cerca dipendenti e assume: ecco come candidarsi

  • Milano, paga 15 euro ed esce dall'Esselunga con 583 euro di spesa: "Sono sudcoreana"

  • Autostrade, confermato lo sciopero domenica 9 e lunedì 10 agosto: le cose da sapere

  • Bollettino coronavirus Milano: trovate altre 16 persone infette, risalgono i ricoveri

  • Hostess con febbre sul Ryanair Milano-Catania: paura per il covid

  • Sangue sul Sempione, schianto auto moto: morto ragazzo di 20 anni, gravissima l'amica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento