rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Carcere e migranti

Le barche dei migranti 'rivivono': il legno sarà usato dai detenuti falegnami di Opera

L'iniziativa resa possibile grazie a una fondazione che si occupa del recupero dei detenuti

Dieci imbarcazioni in legno utilizzate per raggiungere Lampedusa dalle coste africane, e sequestrate dalle forze dell'ordine italiane, sono state affidate per finalità sociali alla fondazione Casa dello Spirito e delle Arti di Milano, che ha sede sull'Alzaia Naviglio Grande.

Il via libera del ministro dell’Interno, che ha accolto la richiesta della fondazione, è stata resa possibile grazie all’attività di coordinamento svolta dal prefetto di Agrigento, Maria Rita Cocciufa, con il supporto della procura che ha rilasciato i necessari nulla osta e ha consentito all’ufficio delle dogane di procedere all’individuazione e all’affidamento delle imbarcazioni, per le quali l’autorità giudiziaria aveva già disposto la distruzione e lo smaltimento.

Opere d'arte dei detenuti

Con il legname ricavato, l'ente avvierà un progetto di reinserimento sociale consistente nella realizzazione di opere d’arte da parte della falegnameria in cui prestano servizio i detenuti del carcere di Opera. La falegnameria è diretta da Francesco Tuccio, l'artigiano che, sostenuto dalla stessa fondazione, con il legname delle barche dei migranti aveva in passato realizzato la Croce di Lampedusa, 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le barche dei migranti 'rivivono': il legno sarà usato dai detenuti falegnami di Opera

MilanoToday è in caricamento