rotate-mobile
Attualità Porta Venezia / Viale Tunisia

"Creiamo la nuova Cozzi insieme": la lettera (e l'invito a colazione) dei cittadini all'assessora Riva

La lettera di un gruppo di cittadini rivolta alla neo assessora allo sport, Martina Riva

Nuovi spazi da far rinascere. Nuovi servizi da offrire. Quasi una nuova vita per festeggiare i primi cento anni di storia. Un mare di idee firmate dai cittadini, per i cittadini. Un gruppo di donne e uomini che da tempo frequentano la piscina Cozzi di viale Tunisia ha deciso di scrivere una lettera aperta alla neo assessora allo sport di Milano, Martina Riva, per provare a disegnare insieme un futuro diverso per la struttura comunale, gestita da Milanosport. 

"Siamo un nucleo eterogeneo per età, professione, formazione e senza alcuna appartenenza politica. Ci unisce la sana passione per il nuoto, la voglia di fare squadra e il desiderio che la piscina Cozzi torni ad essere un vero e proprio centro polivalente nel cuore della città. Insomma, un punto di riferimento per tutta la cittadinanza per la pratica dello sport ma non solo", spiegano i clienti della piscina lanciando anche l'hashtag "sportivoèmeglio".

"Le scriviamo perché ci siamo resi conto che la struttura ha tantissimi spazi inutilizzati che meritano non solo una ristrutturazione, ma anche nuove destinazioni d’uso. Abbiamo molte idee per rendere la Cozzi una realtà vivace e ricca di servizi per la cittadinanza", proseguono dal gruppo. Che ha già in mente soluzioni per rendere più attrattiva la piscina: "La realizzazione di un bistrot, un kindergarten ad ore per i genitori che vogliono nuotare, un ambulatorio di fisioterapia che potrebbe completare l’offerta di quello di medicina sportiva già esistente e un consultorio".
 
"Del resto le attività culturali che il comune ha organizzato in Cozzi in occasione del Fuorisalone hanno spopolato e questo per noi dimostra non solo che la struttura si presta a iniziative alternative allo sport, ma anche che laddove c’è una proposta la cittadinanza risponde con molto entusiasmo. Ma c'è di più: un altro punto di forza è che l’impianto non è solo alla portata dei milanesi, ma anche dei turisti in visita a Milano. La piscina Cozzi, oltre ad essere servita dalla stazione Centrale, è raggiungibile tramite due linee della metro, il passante e numerose linee tranviarie", sottolineano i cittadini che hanno deciso di rivolgersi alla Riva. 
 
"Proiettare nel futuro una struttura così ricca di storia, rendendola fruibile in tutti i suoi spazi, sarebbe un regalo per la collettività e un segnale di continuità con il lavoro svolto dalla giunta Pisapia e dalla prima Giunta Sala. Il suo assessorato ha il potere di contribuire a rafforzare la cultura dello sport e l’identità di Milano come una città sempre più inclusiva, più green e più attenta alle iniziative sportive anche, e soprattutto, in previsione dei Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali Milano Cortina 2026, quando il mondo dello sport guarderà Milano con eccezionale attenzione", le parole dei nuotatori.

"Siamo convinti - rimarcano le donne e gli uomini che frequentano la Cozzi - che la cultura sportiva parta dal basso: dai campi di quartiere, dagli impianti cittadini, dalle palestre che abbiamo a portata di mano e dalle attività amatoriali. Praticare sport è salutare, aumenta le occasioni di socialità e ci permette di superare limiti fisici o mentali". 

Una data cerchiata sul calendario c'è già: "Il 3 maggio del 2024 la Cozzi compirà 90 anni, sarebbe bello festeggiare con una piscina rinnovata e messa al servizio dei milanesi. Ci aiuti a frequentare un impianto più vivo, più funzionale e più attrattivo per tutti, nuotatori e non. Ci aiuti ad essere cittadini più sani e quindi migliori". Il prossimo passo? "La invitiamo a bere un caffè con noi per conoscerci e darle modo di valutare le nostre idee e visitare insieme la struttura". Un caffè con i cittadini e un giro alla Cozzi per immaginare insieme un futuro più bello. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Creiamo la nuova Cozzi insieme": la lettera (e l'invito a colazione) dei cittadini all'assessora Riva

MilanoToday è in caricamento