Rinasce "La Notte", ecco il libro con foto e storie di nera "inedite" del giornale milanese

"Storie nere degli archivi de La Notte" sarà presentato giovedì a Milano alla Hoepli

Una delle foto presenti nel libro - @ Università degli Studi di Milano Centro Apice

Un viaggio lungo tre anni tra foto in bianco e nero e immagini. Un percorso tra volti e racconti che sono rimasti, a modo loro, nella "leggenda" della città. Un cammino all'indietro nel passato per recuperare la storia e farla diventare di nuovo attuale. 

Rinasce così "La Notte", il quotidiano milanese in edicola tra il 1952 e il 1995 che ha riscritto il modo, per i giornali dell'epoca, di trattare le vicende di cronaca nera soprattutto attraverso l'utilizzo delle foto, molto spesso "forti", dirette. 

A segnare la rinascita sono stati Salvatore Garzillo, cronista di nera dell'Ansa, Alan Maglio, artista e fotografo, e Luca Matarazzo, fotoreporter e artista. I tre hanno curato "Ultima Edizione - Storie nere degli archivi de La Notte": un progetto di ricerca sull'archivio fotografico del quotidiano che riporta alla luce alcune delle immagini e delle storie più famose di Milano insieme ad altre meno note. 

Partendo dal Centro Apice, che raccoglie i fondi bibliotecari più pregiati acquisiti dell’Università degli Studi di Milano, i tre autori hanno avuto modo di studiare una parte significativa della produzione fotografica direttamente dai negativi realizzati dai fotoreporter de La Notte, impegnando tre anni. Su un totale di circa 150mila negativi divisi in varie tipologie dai titoli quali Aggressioni e ferimenti”, “Rapine”, “Prostituzione”, “Droga”, “Incidenti”, “Reati Vari“, sono stati visionati quelli della sezione “Delitti”, circa 13mila.

Garzillo, Maglio e Matarazzo hanno quindi analizzato e studiato decine di migliaia di negativi, tutti archiviati in piccole buste di carta sulle quali sono tuttora dattiloscritti il titolo del fatto di cronaca, la data e il luogo, i nomi dei protagonisti. Ad arricchire il tutto ci sono poi le testimonianze dirette dei giornalisti e dei fotografi dell'epoca, che hanno scattato quelle immagini, con tutta la loro potenza rivelatrice. 

"L’aspetto di luoghi e persone - spiegano gli autori - racconta i cambiamenti sociali del tessuto cittadino di Milano, attraverso decenni di grande e continua trasformazione urbanistica. Grazie alla stretta collaborazione con le forze dell’ordine, i fotoreporter dell’epoca raccontano i fatti in un modo diretto e spesso senza filtri, pur restando poco conosciuti o addirittura non citati come autori delle immagini".

Il libro sarà presentato per la prima volta al pubblico giovedì 7 novembre 2019 alle ore 18 alla Libreria Hoepli di via Hoepli. Insieme alla presentazione dell'opera sarà anche inaugurata una mostra fotografica con una selezione di scatti tratti dal volume. Si replica poi il 15 novembre alle 18.30 con appuntamento all'Arci Bellezza di via Bellezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La metro è sempre più grande, ecco i soldi per prolungare la M5: 11 nuove stazioni sulla lilla

  • La Dea bendata bacia il Milanese: vincita record con il concorso di sabato del Lotto

  • Incidente a Milano, perde il controllo dell'auto: finisce nel ristorante, paura in piazzale Martini

Torna su
MilanoToday è in caricamento